28 aprile 2010 - Ravenna, Cronaca

“Consorzio, subito la Commissione d’indagine”

Gambi (Pri): “Accelerare il varo, basta con il balletto delle dichiarazioni politiche”

 

“Penso - commenta Paolo Gambi, segretario comunale del Pri e capogruppo a Palazzo Merlato - che sarebbe opportuno accelerare le decisioni in ordine alla costituzione della commissione per la valutazione di quanto accaduto al Consorzio dei Servizi Sociali.
 

Altrimenti continueremo ad assistere ad un balletto di dichiarazioni che nascono, per lo più, senza avere come riferimento nessun documento o dato reale e rispondono esclusivamente ad esigenze di posizionamento politico”.

“Ho già detto – prosegue Gambi - in Consiglio Comunale, a nome del PRI, che non ha mai avuto alcun esponente nei CdA del Consorzio, che quanto è accaduto è di così straordinaria gravità, che comprendere cosa sia esattamente accaduto, come sia potuto accadere, perché non si è evitato e cosa si deve fare perché ciò non si ripeta è una questione di credibilità innanzitutto del Sindaco, della Giunta e della maggioranza.
Il lavoro da fare quindi è impegnativo e dovrà essere svolto con tutto l’impegno e la serietà che il fatto richiede.
Non comprendo cosa significhi creare una commissione speciale ”partecipata” piuttosto che una commissione d’indagine sulla quale mi pareva si fosse tutti d’accordo, anche nella maggioranza.
Il discrimine è se si vuole capire bene quanto accaduto o no.
 

Tag: prigambi

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019