31 luglio 2015 - Ravenna, Cronaca

Adriatica, nuova pioggia di multe per lucciole e clienti

Ancora sanzioni dopo l’entrata in vigore dell’ordinanza anti prostituzione

Nella serata di ieri personale della Polizia di Stato dell’Arma dei Carabinieri e delle Polizie Municipali di Ravenna e Cervia hanno dato esecuzione all’ordinanza del Questore di Ravenna emessa per contrastare la prostituzione su strada.

Il servizio si è svolto principalmente sulla strada statale 16 nel tratto tra Ravenna e Cervia dove sono state identificate 19 giovani donne rumene e bulgare in attesa di clienti.

Sono state applicate le ordinanze dei Sindaci di Ravenna e Cervia in materia di prostituzione e sicurezza sulle strade multando 16 prostitute e 6 clienti intenti a contrattare la prestazione sessuale.

Il conto se fatto dalle forze di polizia è particolarmente salato in quanto la singola contravvenzione ammonta a 400 euro.

Due ragazze rumene sono state denunciate alla Procura della Repubblica in quanto avevano fatto ritorno nel comune nonostante il divieto per i prossimi tre anni.

Tre ragazze bulgare sono state accompagnate in Questura per l’adozione nei loro confronti del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Cervia.

I servizi di contrasto alla prostituzione e di sicurezza sulla strada statale particolarmente congestionata dal traffico vacanziero proseguiranno con frequente cadenza nei giorni a venire.

 

 

 

Tag: adriatica

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.