5 ottobre 2009 - Ravenna, Eventi

Le bambole nella "soffitta dei sogni"

Una mostra promossa dalla Cassa di Risparmio nelle vetrine dell'ex Bubani

“Nella soffitta dei sogni” è la mostra, in programma fino alla fine di ottobre, promossa dalla Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. nelle vetrine del “Private Banking” (ex Negozio Bubani) di Piazza del Popolo n.30. L’esposizione di bambole ed altri balocchi, gentilmente concessi dalla raccolta del “Museo delle bambole” della ravennate Graziella Gardini Pasini, non vuole evocare solo l’incanto dell’infanzia trascorsa: ma vuole far intendere come i balocchi siano sempre stati l’accostamento e la preparazione della vita.

Nella seconda metà dell’800 ci fu un fiorire di fabbriche di bambole, soprattutto in Francia, in Germania e in Italia. Nella raccolta non potevano poi mancare le famose e rimpiante “Lenci”. La grande novità apportata dai coniugi Scavini, che nel 1919 fondarono la fabbrica, fu quella di utilizzare feltro sia per i corpi che per gli abiti. Diedero il nome “Lenci” alla fabbrica, un acronimo ricavato dalla frase latina “Ludus est nobis costanter industria”.
La Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. “ha inteso così arricchire di contenuti la propria aspirazione di promuovere la cultura nei suoi aspetti più popolari e tradizionali”.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019