19 maggio 2010 - Ravenna, Economia & Lavoro

Il Questore Giuseppe Racca visita la sede della Confcommercio

Gli imprenditori: "Grande fiducia nelle forze dell'ordine"

Oggi il nuovo questore di Ravenna Giuseppe Racca ha visitato la sede di Confcommercio Ravenna, accolto dal presidente e direttore di Confcommercio Ravenna, Graziano Parenti e Giorgio Guberti.

"Nel corso del cordiale incontro - spiega Confcommercio - sono stati affrontati i temi della sicurezza, dell'ordine pubblico, della legalità in città, nei lidi e nel forese.

Il presidente Parenti ha ribadito la piena collaborazione e disponibilità da parte di Confcommercio all’azione della Questura ravennate, anche attraverso segnalazioni dirette, proprio per stroncare sul nascere eventuali atti e insediamenti delinquenziali".

“Confermiamo la nostra piena fiducia alle forze dell’ordine ravennati che svolgono ogni giorno sul territorio un lavoro importantissimo per la sicurezza dei cittadini e di tutti coloro che operano nei settori del commercio, turismo e servizi.

E i risultati ottenuti dal Polizia di Stato dimostrano il profondo senso di attaccamento al dovere, grazie ad un lavoro impegnativo e mirato, coordinato dal Questore.

Parenti ha poi sottolineato che proprio in questo momento, con l’avvicinarsi della stagione estiva, c’è un’acuirsi di furti e rapine e per questo ha chiesto al Questore un ulteriore sforzo, in particolare a tutela di alcune categorie del mondo del commercio maggiormente interessate a questi reati".

“Siamo certi – ha concluso Parenti – che il già ottimo rapporto con la Questura di Ravenna continuerà su questi presupposti, grazie alla grande sensibilità che il Questore Racca ha dimostrato nei confronti delle problematiche che riguardano il nostro mondo”.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.