20 maggio 2010 - Ravenna, Faenza, Agenda

Starting Point! mette in mostra i giovani artisti dell'Accademia

Una tre giorni al museo Zauli con le opere dei vincitori del Premio tesi 2009

Domani, venerdì 21 maggio, dalle 10 a mezzanotte, sabato 22, dalle 10 alle 20, e domenica 23, dalle 10 alle 18, al Museo Carlo Zauli di Faenza (via della Croce 6), nell’ambito di C/works, il programma degli eventi collaterali della terza edizione del festival dell’arte contemporanea, è prevista l’apertura straordinaria della mostra Starting Point!: opere dei quattro giovani artisti vincitori del Premio Tesi 2009 dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna - Marco Fellini, Francesca Merciari, Valeriya Piershyna e Matylda Tracewska  -a cura dei giovani Fulvio Chimento e Antonella Malaguti.

Il Premio Tesi, che annualmente propone l’Accademia di Belle Arti di Ravenna, ha il fine di valorizzare gli artisti più promettenti dell’Accademia, ai quali viene data la possibilità di misurarsi da vicino con il sistema dell'arte contemporanea, una volta terminato il proprio percorso di studi. Pittura, scultura, installazione, mosaico sono i linguaggi utilizzati con grande libertà da questi giovani artisti, che si relazionano con lo spazio suggestivo del Museo Carlo Zauli, con allestimenti appositamente pensati all'interno del museo faentino.
Marco Fellini (Cotignola, Ravenna, 1981, Diploma in Pittura), Francesca Merciari (Cotignola, Ravenna, 1983, Diploma in Scultura), Valerya Piershyna (Nikolaev, Ucraina, 1984, Diploma in Decorazione) e Matylda Tracewska (Varsavia, Polonia, 1978, Diploma in Mosaico) utilizzano il proprio linguaggio espressivo per un progetto site-specific negli ambienti del Museo Carlo Zauli, già casa, studio e laboratorio del celebre scultore faentino, uno spazio che negli ultimi anni si è contraddistinto per la sua apertura e ricettività nei riguardi della didattica dell’arte, con lo scopo di avvicinare le nuove generazioni alle tematiche del contemporaneo.
L’allestimento delle opere coinvolge tanto il nucleo centrale dell'edificio, ovvero le collezioni permanenti delle opere di Zauli, quanto le aree più informali e periferiche della struttura: i laboratori, i sotterranei e la galleria adibita all’esposizione dei lavori elaborati per il progetto “Residenza d'Artista”. Il principio guida dell'esposizione è ispirato all'integrazione tra presente e passato, tra contemporaneo e moderno: il percorso visivo nasce infatti dalla volontà di valorizzare il Museo attraverso il confronto con le opere di Fellini, Merciari, Piershyna e Tracewska.

Oltre al Premio Tesi, l’artista Matylda Tracewska è vincitrice del premio speciale per il mosaico promosso dalla rivista internazionale Solo Mosaico, che consiste in un soggiorno di studio e lavoro a San Pietroburgo.
I curatori di questa edizione di Starting point, Fulvio Chimento e Antonella Malaguti sono stati coinvolti nella selezione critica e nella cura della mostra in quanto vincitori della II edizione del concorso "A cura di...", indetto dal Comune di Modena nell'ambito del circuito GA/ER, con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Regione Emilia-Romagna, Assessorato Cultura, Sport e Progetto Giovani, attraverso una commissione presieduta da Roberto Daolio e Walter Guadagnini. In tale occasione, i due curatori hanno realizzato il progetto site-specific Risk-Art! allestito presso le ex Fonderie Riunite di Modena tra dicembre 2009 e gennaio 2010.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019