2 dicembre 2015 - Ravenna, Cronaca

Ravenna, i Vigili del Fuoco celebrano in Duomo Santa Barbara

Per il primo anno festeggiamenti congiunti con la Capitaneria di Porto

Per la prima volta I Vigili del Fuoco e la Capitaneria di Porto di Ravenna festeggeranno insieme la comune Patrona, Santa Barbara. La celebrazione si terrà, come è noto, il 4 dicembre, con una funzione religiosa officiata dal Vescovo di Ravenna Monsignor Lorenzo Ghizzoni presso il Duomo, alle ore 10, a cui è invitata tutta la cittadinanza. Nel pomeriggio, invece, intorno alle 15,00, si terrà la consueta manifestazione Pompieropoli, che attraverso un percorso ludico, ha l’obiettivo di insegnare ai più piccoli cos’è il rischio. Pompieropoli consiste in un percorso in miniatura che simula le attività effettuate dai Vigili del Fuoco in caso di emergenza e di incendi; i bambini indosseranno protezioni di sicurezza come quelle dei pompieri.

La giornata del 4 dicembre è anche l’occasione per il Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Ravenna per fare il punto sulle attività svolte durante il 2015 e sui risultati conseguiti.
“È trascorso circa un anno dal mio insediamento a Ravenna – ha spiegato il comandante Pierpaolo Patrizietti nella conferenza stampa tenutasi questa mattina al Comando – e in primis mi sento di dover ringraziare il personale che ha dato la propria disponibilità e si è impegnato, talvolta anche sacrificando la propria sfera privata”.

Successivamente Patrizietti è passato ad elencare le attività del 2015.
“Sotto il profilo del soccorso tecnico urgente – ha continuato – tra i fatti più rilevanti dell’anno in corso c’è sicuramente il naufragio conseguente alla collisione delle motonavi Gokbel e Lady Aziza, che ha impegnato i nostri specialisti nautici sia nell’immediato che nella successiva fase di ricognizione del relitto per la rimozione”. “Di grande impegno è stato anche l’incendio delle autobotti presso la Ditta Consar di Ravenna, del quale abbiamo avuto ragione grazie anche all’intervento di numerose squadre provenienti anche dai comandi limitrofi. In seguito abbiamo avuto l’emergenza dovuta a condizioni meteo avverse che ha colpito a febbraio soprattutto la zona costiera. Nell’ambito dell’emergenza sono stati effettuati circa 250 interventi, di cui circa 80 riconducibili a soccorso a persone in difficoltà”.

“Tra gli ultimi interventi – spiega Patrizietti – c’è stato quello relativo all’incidente stradale lungo il raccordo autostradale di un’autobotte contenente GPL  con conseguente travaso”.

Per quanto riguarda invece gli obiettivi del 2016, il comandante ha affermato: “Tra gli interventi logistici che ci premono di più c’è sicuramente l’adeguamento della sede del distaccamento di Cervia – che è divenuto permanente -in quanto la Regione ha già dato il via ai lavori. Altro significativo intervento è quello che riguarda il trasferimento a Lugo dalla vecchia sede ad una più moderna ed attrezzata. Per finire, se ci sarà un incremento dell’organico, contiamo su una maggiore operatività terrestre del distaccamento porto”.

Tra le attività del 2015, naturalmente non è mancata la formazione (fra l’altro con l’organizzazione del XIII corso nazionale per istruttori sommozzatori e del XXVI corso nazionale per allievi sommozzatori) e la prevenzione incendi e i servizi di vigilanza.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.