3 dicembre 2015 - Ravenna, Cronaca, Politica

“I ravennati dicono basta a furti, abusivismo e strade pericolose”

Tramite l’iniziativa “Dillo a Forza Italia” Bertolino e Verlicchi hanno raccolto le lamentele dei cittadini

“A seguito dei numerosi banchetti fra la gente che ha cominciato ad apprezzare con gusto l’iniziativa ‘Dillo a Forza Italia’ è emerso chiaro il ‘B.A.S.T.A.’ delle persone a situazioni che hanno colmato la misura sul territorio ravennate”, a spiegare l’acronimo sono Mauro Bertolino e Veronica Verlicchi (FI), che continuano: “B come il buio in cui sono state lasciate diverse zone della città e del forese a seguito della campagna di rinnovamento energetico che ha visto privare di illuminazione pubblica zone da decenni coperte dal servizio.

A come abusivi, come posteggiatori abusivi, la gente è stufa e anche spaventata dall’essere continuamente rincorsa da questi signori alla caccia di un ticket usato o di un posto vuoto da barattare con dei denari.

S come sicurezza che mina la tranquillità a causa dei numerosi furti, rapine e scippi che si verificano quotidianamente.

T come tristezza del centro storico, ormai abbandonato a se stesso privo di iniziative che riescano a farlo vivere quotidianamente.

A come asfalto, date le condizioni assurde delle nostre strade che e creano pericoli tutti i giorni compresi i marciapiedi che causano di continuo cadute di anziani”.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.