28 maggio 2010 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

Scuola, la Cgil occupa il provveditorato

L'iniziativa di protesta avrà luogo il 3 giugno

 

La Cgil si mobilita per la scuola. Il prossimo 3 giugno, dalle 16 alle 17, il sindacato di categoria Flc della provincia darà vita, nell'ambito di un'iniziativa nazionale, all'occupazione simbolica dell'Ufficio scolastico provinciale in via Sant'Agata 22 a Ravenna.

La mobilitazione – spiega Monica Ottaviani, segretario provinciale Flc Cgil - è in difesa della scuola pubblica e per il rispetto della Costituzione. La Flc Cgil è contro: una manovra economica del Governo che punisce i lavoratori; i tagli degli organici, i tagli delle risorse alle scuole; il blocco delle assunzioni dei precari; la cancellazione del contratto nazionale; il blocco delle retribuzioni e degli scatti di anzianità; i tagli al tempo scuola scelto dalle famiglie; la negazione del diritto allo studio; ogni tentativo di mettere il bavaglio ai lavoratori della scuola”.

L'iniziativa di giovedì prossimo – prosegue Ottaviani - si colloca all'interno di un percorso che vedrà la nostra organizzazione impegnata a contrastare le scelte del Governo sulla scuola e più in generale sulla manovra economica di 24 miliardi di euro che si accinge a varare. I tagli agli organici e alle risorse finanziarie delle scuole, la negazione del diritto allo studio, il tentativo di limitare la libertà di espressione ai lavoratori della scuola sono solo alcune delle tante motivazioni che ci spingono a mobilitarici. Più volte ho detto che sulla scuola è vera emergenza sociale. Le ultime decisioni del Governo confermano le nostre preoccupazioni. Dobbiamo fermare questa azione sistematica di macelleria sociale”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.