15 gennaio 2016 - Ravenna, Cronaca

Mobilità sostenibile, candidati sindaco e cittadini si confrontano

L’appuntamento, organizzato da Kirecò, sabato 23 gennaio a Palazzo Rasponi

Un confronto aperto sulla mobilità sostenibile nel Ravennate: è l’appuntamento ideato e organizzato da Kirecò - il Parco di Innovazione per le Imprese, il Territorio e le Persone in fase di ultimazione in via Don Carlo Sala – che ha in programma anche per il 2016 una serie di eventi pensati per coinvolgere attivamente la cittadinanza, anche allo scopo di contribuire al dibattito politico in vista delle elezioni che si terranno a primavera. 

Il primo di questi eventi è in programma sabato 23 gennaio dalle 9,30 alle 13 a Palazzo Rasponi, e prevede un confronto aperto, appunto, sul tema “Strategie della Mobilità Sostenibile nel territorio Ravennate”. Per l’occasione, sono stati invitati a partecipare attivamente tutti i candidati a sindaco e tutti i gruppi politici ravennati.

 

Come prassi di Kirecò, non si è pensato ad un convegno classico, ma ad una mattina di lavoro e progettazione partecipata.

Dalle 9.30 alle 11, sono previsti diversi gruppi di discussione guidati e coordinati, all’interno dei quali i partecipanti saranno invitati a fare una vera e propria maratona di riflessione su un tema specifico. Ogni gruppo sarà condotto da un moderatore, e vedrà la partecipazione di un esperto tecnico con specifiche esperienze. Il lavoro del gruppo dovrà concludersi con due domande da porre all'assemblea della fase plenaria.

Dalle 11.30 alle 12.30 si svolgerà appunto la fase plenaria, nella quale gli esperti tecnici e i referenti politici avranno tempi rigorosamente contingentati per rispondere alle domande che ogni gruppo tematico porrà loro. Al termine della plenaria, un esperto di progettazione europea e di strategie di finanza agevolata concluderà la discussione presentando le possibilità di progetti a valenza europea sui temi della giornata.

Infine, dalle 12.45 alle 13, la fase della “Responsabilità”: a tutti i partecipanti sarà richiesta la disponibilità a iniziare a lavorare su un progetto da sottoporre ai bandi suggeriti nella sessione precedente, al fine di attivare un percorso che non veda la mera discussione fine a se stessa, ma un vero lavoro di costruzione di progetti per la città. Sarà richiesto a tutti i partecipanti di dare direttamente le loro disponibilità per competenze.

 

La giornata di lavoro sarà dunque l'avvio di un vero percorso di progettazione che vedrà coinvolti tutti i soggetti che lo riterranno opportuno in gruppi di progettazione specifici, con precisi compiti e scadenze, al fine di condurre il percorso verso un obiettivo quantitativo e qualitativo.

 

I gruppi tematici ed i dettagli del progetto sono concordati e coordinati con l'ufficio tecnico mobilità del Comune di Ravenna; li si può trovare al link http://kireco.eu/events/mobility-hacktone/

 

“Riteniamo che il ruolo delle imprese debba anche essere d’impegno politico, inteso come responsabilità nel miglioramento del territorio in cui quotidianamente operiamo, mettendo a disposizione le competenze di cui siamo portatori”, sottolinea Antonio Lazzari, presidente di Kirecò. “L’intento delle nostre iniziative è quello di fornire un contributo tecnico, di aprire spazi di discussione messi a disposizione della collettività sui temi centrali dell’attività di Kirecò, ovvero la sostenibilità ambientale e il rapporto fra cittadino e territorio”.

 

 

 

 

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.