8 febbraio 2016 - Ravenna, Cronaca

Giorno del Ricordo, un documentario per non dimenticare

Domani la prima proiezione in Romagna de “L’ultima spiaggia – Pola fra la strage di Vergarolla e l’esodo”

Il 10 febbraio, Giorno del Ricordo, si commemorano le vittime dei massacri delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata.  A Ravenna è in programma per domani, martedì 9 febbraio, alle 17 alla sala Nullo Baldini di via Guaccimanni 2 la proiezione a ingresso gratuito del documentario “L’ultima spiaggia – Pola fra la strage di Vergarolla e l’esodo”.

Il filmato, che uscirà in contemporanea in tutta Italia proprio il 9 febbraio, è diretto dal regista forlivese Alessandro Quadretti con Domenico Guzzo, cosceneggiatore, storico esperto di terrorismo, e prodotto da Officinemedia in collaborazione con Libero Comune di Pola in esilio e con il sostegno di Simone Cristicchi – Circolo di cultura istrio-veneta “Istria”. Si tratta della prima proiezione in Romagna.

Dopo un saluto introduttivo del sindaco Fabrizio Matteucci, dell’assessore alla Cultura della Provincia Paolo Valenti e del direttore dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in Ravenna e provincia Giuseppe Masetti, l’opera sarà presentata da Domenico Guzzo (Università di Grenoble), cosceneggiatore.

L’appuntamento è promosso dagli istituti storici di Ravenna e Forlì – Cesena con il patrocinio del Comune e della Provincia.

 

SINOSSI

Quadretti affronta una vicenda che fa parte del suo vissuto familiare, con il padre esule polesano e il nonno paterno inserito nelle liste dei probabili infoibati. Ecco allora che il regista può scavare con delicata lucidità nei ricordi dei pochi sopravvissuti. Il 18 agosto 1946, a guerra finita, sulla spiaggia di Vergarolla a Pola l'esplosione di diversi ordigni bellici provocò la morte di oltre ottanta italiani, tra i quali molti bambini, riuniti per assistere alle tradizionali gare natatorie organizzate dalla Società sportiva Pietas Julia.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.