18 febbraio 2016 - Ravenna, Cronaca

Ravenna meta dei “bike lovers” internazionali, il sogno si avvia a diventare realtà

Il 25 febbraio un incontro promosso da Confesercenti sul tema

“Sempre più persone – giovani, famiglie con bambini, anziani - si accostano all’utilizzo della bicicletta con intenti ‘vacanzieri’. Abbiamo quindi deciso di sostenere il progetto Ravenna Bike Lovers perché riteniamo che intercetti e valorizzi un’esigenza sempre più diffusa e che grazie ad esso il turismo possa trovare un’importante chiave di sviluppo e diversificazione”; lo ha detto l’assessore al Turismo Massimo Cameliani intervenendo oggi alla conferenza stampa di presentazione del progetto e del convegno “Ravenna Bike Lovers- Idee e progetti per sviluppare il turismo in bicicletta”, in programma il 25 febbraio dalle 14.30 a palazzo Rasponi dalle Teste. Obiettivo dichiarato dell’incontro è avviare la creazione di una vera e propria rete di operatori del ricettivo e del commerciale preparati e strutturati per soddisfare le esigenze del turista bike che possano nel tempo fare del cicloturismo un comparto rilevante dell’incoming turistico del territorio ravennate. “Ravenna Bike Lovers è la prima occasione promossa dalla Confesercenti per coinvolgere e sensibilizzare in particolare gli operatori privati offrendo loro lo spazio per raccontare le loro idee e approfondire le esigenze del mercato – ha spiegato l’associazione - L’evento, realizzato con il contributo della Camera di Commercio di Ravenna, ha la collaborazione del Comune di Ravenna, delle associazioni UISP e FIAB”.

“Ringraziamo  - ha aggiunto Cameliani - Confesercenti, le aziende ravennati che sosterranno l’iniziativa e tutti i partner coinvolti: Camera di Commercio, Uisp e Federazione Italiana Amici della Bicicletta. In Italia il cicloturismo rappresenta una grande opportunità per le nostre splendide aree turistiche, così come è dimostrato anche dalle statistiche effettuate dalla Borsa del Turismo Sportivo negli ultimi anni. Va detto che il turismo legato alla bicicletta è ormai una realtà consolidata in molte parti d’Europa, con indotti sul comparto anche superiori al dieci per cento del totale.

E’ per queste ragioni che anche Ravenna può puntare ad un nuovo turismo in grado di mettere insieme relax, cultura e benessere.

Ravenna è unica dal punto di vista turistico perché possiede il patrimonio culturale dei monumenti Unesco, il mare e il patrimonio naturalistico. Questi settori sono strategici e vanno sempre più integrati nell’ottica di garantire un'offerta complessiva ed una maggiore permanenza nel nostro territorio e pertanto abbiamo deciso anche nel percorso partecipato che partirà il 23 febbraio ‘Ravenna Ascolta’ di dedicare un apposito incontro il 24 febbraio alle 15 a palazzo Rasponi a ‘Le spiagge di Ravenna e la natura- sistema balneare e aree verdi e natura’”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.