22 febbraio 2016 - Ravenna, Cronaca

Antonio Patuelli al Master in diritto penale dell'impresa e dell'economia

Il presidente del Gruppo Cassa di Risparmio di Ravenna ha tenuto una lezione sul diritto bancario

Nell’aula magna della sede di Ravenna della scuola di giurisprudenza, Antonio Patuelli, presidente dell’Associazione Bancaria Italiana e del Gruppo Cassa di Risparmio di Ravenna è stato ospite del Master universitario in diritto penale dell’impresa e dell’economia coordinato dalla professoressa Desireè Fondaroli e promosso dal dipartimento di scienze giuridiche in collaborazione con il Comune e la Fondazione Flaminia.

 

In apertura il vicesindaco Giannantonio Mingozzi lo ha ringraziato per la disponibilità offerta, sottolineando come al master ravennate, giunto alla seconda edizione, siano iscritti 20 laureati in materie giuridiche; un apprezzamento è stato rivolto anche a Confindustria, imprese del porto, Deco, ordini professionali, Tribunale e Procura di Ravenna per il sostegno e le relazioni via via svolte.

“E’ grazie anche a queste straordinarie collaborazioni se l’insediamento universitario a Ravenna è in costante crescita, registrando quest’anno 1050 immatricolazioni su un totale di quasi 4000 studenti iscritti alle varie facoltà” ha commentato Mingozzi.

 

La settimana scorsa è stato il dottor Alessandro Vitiello, amministratore delegato della società Bunge Italia S.p.A. a tenere la propria lezione sulla gestione commerciale ed imprenditoriale dell’azienda e sulle prospettive di sviluppo a Ravenna.

 

Antonio Patuelli ha tenuto la lezione introduttiva del modulo di diritto bancario ed ha risposto alle domande che gli sono state poste dai partecipanti al master.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.