16 marzo 2016 - Ravenna, Cronaca

Varata “Blue Brother”, nave da appoggio offshore per la società Bambini

La nuova unità è di proprietà dell’Adriese di Navigazione

Nelle acque del Canalbianco-Po si è svolta la cerimonia di varo della Blue Brother del Cantiere Navale Vittoria di Adria, imbarcazione da lavoro (Supply Vessel) destinata, con un contratto di noleggio, alla società Bambini di Ravenna, tra le più importanti compagnie italiane di trasporto marittimo, specializzata nell’erogazione di servizi di appoggio offshore. La nuova unità è di proprietà dell’Adriese di Navigazione, società armatoriale nonché holding del gruppo del quale fa parte il Cantiere Vittoria. A entrambe le società, “Adriese” e “Vittoria”, corrisponde la stessa compagine sociale, che fa capo alla famiglia Duò.

 

La Blue Brother è una nave da appoggio destinata a piattaforme petrolifere e installazioni offshore, al trasporto speciale (fino a 80 persone) e abilitata alla navigazione internazionale. Lunga 51,75 metri e larga 9,20 metri, il nuovo prototipo è in grado di raggiungere la velocità di 28 nodi. I lavori erano iniziati a marzo 2015 e si sono conclusi dopo solo un anno. Il valore della commessa è di 11 milioni di euro.

 

La costruzione di imbarcazioni di appoggio o Supply Vessels è una delle tante specializzazioni del Cantiere Navale Vittoria che, attraverso un costante lavoro di ricerca e innovazione sugli scafi, è riuscita a raggiungere performance considerevoli di velocità e tenuta al mare rispetto alle dimensioni e al materiale di costruzione, l’alluminio. La Blue Brother è dotata di un sistema di posizionamento dinamico prodotto dalla Kongsberg in classe DP2, che le consente automaticamente di mantenere la posizione modulando l’intensità e la direzione della spinta dei propulsori. L’imbarcazione è equipaggiata di quattro motori principali Cummins KTA50-M2 con una potenza di 1342 kW ciascuno a 1900 giri al minuto.

 

Non si tratta della prima consegna alla società Bambini. Il Cantiere Navale Vittoria ha già costruito navi dello stesso tipo, la Blue Mommy e la Blue Daddy, oltre a due Shuttle 200 per il trasporto passeggeri.

 

“Il momento del varo – è stato il commento di Luigi Duò, presidente del Cantiere Navale Vittoria – rappresenta sempre il coronamento di uno sforzo collettivo che coinvolge con la stessa passione operai, progettisti e dirigenti. La flessibilità e l’agilità dell’organizzazione del cantiere ci ha permesso di coniugare rapidità di costruzione ed elevati standard qualitativi, rinsaldando un rapporto di collaborazione durevole con la società Bambini, di cui andiamo tutti orgogliosi”.

 

 

Cantiere Navale Vittoria

L’azienda, fondata ad Adria (Rovigo) nel 1927 dalla famiglia Duò, progetta e realizza imbarcazioni militari, paramilitari da lavoro e commerciali rispettando i più elevati standard qualitativi comprovati dalle certificazioni ISO 9001 (Sistemi di gestione per la Qualità - Requisiti), ISO 14001 (Sistema di gestione Ambientale), OHSAS 18001 (Sistema di gestione della Sicurezza e della Salute dei Lavoratori) e ISO 3834-2 (Saldatura Automatica e Manuale). Dalla sua fondazione il Cantiere Navale Vittoria ha costruito più di 860 unità navali, aggiudicandosi nel tempo diverse forniture per imbarcazioni della Guardia Costiera italiana, dei Vigili del Fuoco, della Guardia di Finanza e della Marina Militare. L’azienda si è aggiudicata inoltre numerose commesse internazionali da Malta, Cipro, Libia, Croazia, Slovenia, Tunisia e Romania. Recentemente sono stati consegnati alla Guardia di Finanza i pattugliatori d’altura gemelli Monte Sperone e Monte Cimone, 58 metri di lunghezza, le più grandi navi mai costruite per le Fiamme Gialle e attuali navi ammiraglie del Corpo.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Commenti recenti