22 marzo 2016 - Ravenna, Cronaca

Mezzano, intitolata ad Ettore Zannoni la sala polivalente dell'ufficio decentrato

Fu consigliere comunale e provinciale

Alla presenza dei familiari e di decine di persone, si è svolta questa mattina la cerimonia di intitolazione della sala polivalente dell’ufficio decentrato di Mezzano, in piazza Repubblica 7 ad Ettore Zannoni, partigiano ed amministratore pubblico scomparso l'8 novembre del 2013. Nel corso del suo intervento inframezzato da tanti ricordi personali, il Sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci ha ripercorso l' impegno politico e di amministratore di Ettore Zannoni. Nato il 20 luglio 1929 a Glorie di Bagnacavallo, in seguito all’attività partigiana svolta dal 1° ottobre 1943 al 5 dicembre 1944, Zannoni, viene insignito della Croce di merito di guerra il 9 novembre 1953 dal comandante territoriale di Bologna dell’esercito italiano. Aderisce al Pci nel 1944; ne uscirà nel 1998 per costituire il Partito dei comunisti italiani. Nel 1949 sarà tra i fondatori della Fgci (Federazione giovanile comunista italiana) della provincia, della quale nel 1955 sarà eletto segretario provinciale.  Successivamente Zannoni entra nella segreteria provinciale e nel comitato regionale del Pci emiliano-romagnolo. Viene eletto segretario del Pci ravennate e consigliere comunale a Ravenna, nel 1960 e riconfermato nel 1961, 1962, 1966, 1968 e 1973.  Viene poi eletto consigliere provinciale, il 9 gennaio 1974; ricopre la carica di assessore provinciale dal 18 gennaio 1974 al 14 luglio 1975 sotto la presidenza di Decimo Triossi, cui succederà dal 14 luglio 1975 fino al 29 giugno 1979. Farà parte anche del direttivo nazionale dell'Upi (Unione Province italiane).

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Commenti recenti