12 aprile 2016 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cultura

La buona cucina dell'Emilia Romagna in onda su Sky Arte

Fra paesaggi e biblioteche, quadri e musei, antiche ricette e i riti della buona tavola. Dal 13 aprile ogni mercoledì dalle 20.30

Le prelibatezze gastronomiche dell'Emilia-Romagna in prima serata su Sky Arte HD. Un racconto, suggestivo, affidato a Massimo Montanari, esperto della storia dell’alimentazione in Italia oltre che storico medievalista,e Luca Marchini, chef associato a “Chef to Chef Emilia- Romagna cuochi”. Un racconto in 6 puntate, da 25 minuti l’una, in onda su Sky Arte HD in prima serata: dal 13 aprile ogni mercoledì dalle ore 20,30

La trasmissione è intitolata “Cult Food Emilia-Romagna” e narra dell’identità di una delle regioni più amate nel mondo per la capacità di fare spesso del cibo un capolavoro, uno strumento di condivisione, un rito fondamentale della comunità. Sei capitoli dentro monumenti e paesaggi, davanti a quadri e dipinti, ovunque si trovino le tracce di piatti e ricette. 

Vogliamo promuovere le bellezze e le grandi eccellenze della nostra regione, attraverso la narrazione della via Emilia Experience, un condensato dello stile di vita italiano”, spiega l’assessore regionale a Turismo e commercio, Andrea Corsini,nel corso della conferenza stampa di presentazione della nuova serie, in Regione, alla presenza anche dell’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli e del direttore di Sky Arte HD, Roberto Pisoni.

“La cultura del cibo, dei prodotti, dei produttori, dei grandi chef e il grande patrimonio artistico, fatto di città d'arte patrimonio dell'Unesco, borghi autentici, biblioteche storiche, castelli e dimore d'epoca- aggiunge Corsini- sono i principali driver della nuova frontiera del turismo motivazionale ed esperienziale nell'epoca della digitalizzazione e del social marketing”.

“Il cibo in Emilia-Romagna è innanzitutto identità, cultura, piacere di stare insieme. Dietro a ognuno dei grandi prodotti di questa terra c’è una storia, un saper fare che si è affinato nel corso delle generazioni, un rapporto tenace e orgoglioso con la propria terra”, sottolinea Caselli. “Ma non solo: l’agroalimentare emiliano-romagnolo è anche una voce fondamentale della nostra economia, un settore che investe in ricerca e innovazione, uno dei punti di forza del Made in Italy nel mondo. Una cosa non esclude l’altra, al contrario. Il nostro grande successo credo consista proprio nell’aver saputo trasformare questo tratto tipico del nostro essere emiliano-romagnoli, anche in un motore di sviluppo, crescita economica e  lavoro”.

La serie 

Lo spettatore viene accompagnato in un viaggio fatto di paesaggi, prodotti, persone, città d’arte, quadri, imprese agricole, musei, produttori (in particolare di Dop e Igp), biblioteche, allevatori, letteratura e viticoltori. Per svelare i prodotti, le filiere produttive e le eccellenze enogastronomiche dei luoghi e l’unicità e le preziosità del patrimonio artistico-culturale locale.

I prodotti agroalimentari vengono narrati non solo nella loro accezione di cibo ma come vere e proprie eccellenze culturali che concorrono a disegnare ilcarattere e l’identità della regione Emilia-Romagna. Proprio per questo, ciascuno di essi sarà affiancato da altri grandi tesori regionali, altrettanto importanti nel definire l’identità dell’Emilia-Romagna: tesori del mondo dell’arte, della musica, dei beni culturali e dello spettacolo.

La programmazione e i titoli

13 Aprile - Ep.1 - Archeologia della mortadella e mosaici bizantini
(1. Tortellini in brodo di gallina; 2. Agnello con i piselli all’uso di Romagna)

20 Aprile - Ep.2 - Affreschi “di magro” e castagne metafisiche
(3. Piadina Romagnola, 4. Castagnaccio parmense)

27 Aprile - Ep.3 - Nebbia d’autore e pesche acquerellate
(5. Torta fritta Parmense con salumi o con amarene brusche di Modena, 6. Pesche ripiene al forno)

04 Maggio - Ep.4 - Novelle botticelliane e sciroppo balsamico
(7. Cotechino con zabaione e aceto balsamico tradizionale di Modena e Reggio Emilia, 8. Torta dolce di Asparagi ferrarese con pere al vino)

11 Maggio - Ep.5 - Dipinti di antiche macellerie e bassorilievi medioevali
(9. Cotoletta alla “Petroniana”, 10. Risotto con funghi porcini)

18 Maggio - Ep.6 Dimore rococò e origini di un mito gastronomico
(11. Garganelli con ragù di carne, 12. Torta di patate di Farini)

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019