19 aprile 2016 - Ravenna, Lugo, Cronaca

Alluvioni e mareggiate non faranno più paura, anche a Ravenna arriva “Life Primes”

Si tratta di uno speciale progetto europeo

Un progetto europeo per ridurre i danni causati da eventi come piene, alluvioni e mareggiate. Si tratta di  “Life Primes”, che sarà presentato giovedì 21 aprile alle 10 nella sala polivalente del centro sociale “Ca’ di cuntadèn” di Sant’Agata sul Santerno, in via Roma 16, ai sindaci dei Comuni emiliano-romagnoli coinvolti, tra cui Ravenna, Lugo, Sant’Agata sul Santerno, Imola, Mordano e Poggio Renatico.

 

L'incontro sarà l'occasione per illustrare a sindaci e amministratori locali i contenuti del progetto che ha come capofila l'agenzia di Protezione civile della Regione Emilia-Romagna e i cui partner sono: Arpa Simc Emilia-Romagna, la direzione regionale Cura del territorio e Ambiente, le Regioni Marche e Abruzzo e l'Università politecnica delle Marche. All’incontro sarà presente Paola Gazzolo, assessore regionale alla Difesa del suolo e della costa e Protezione civile.

 

Con Life Primes ci si propone di ridurre i danni causati al territorio e alla popolazione da eventi come piene, alluvioni e mareggiate, potenziando i sistemi di allertamento attraverso procedure e sistemi informativi integrati e scenari di rischio comuni. Centrale è il ruolo delle comunità pilota che il progetto si propone di trasformare in “laboratori della resilienza”, promuovendo tra i cittadini una concreta cultura di protezione civile e sperimentando strumenti di partecipazione alle politiche di governo locale.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.