23 agosto 2016 - Ravenna, Cultura, Arte

Pittura, la lunga storia del premio "Marina di Ravenna"

Sessantesima edizione per un'iniziativa che ha richiamato negli anni artisti e personalità

Il Premio internazionale di pittura “Marina di Ravenna”, giunge quest'anno alla 60esima edizione: l’Associazione Capit vuole rendere omaggio alla sua lunga storia, coinvolgendone i protagonisti. Come è spiegato in un comunicato stampa, si è scelto per l'occasione di sospendere il tradizionale concorso e di invitare alcuni fra gli artisti premiati nelle passate edizioni a presentare una propria opera recente: fra questi, i vincitori dell’antica estemporanea che si è riusciti a rintracciare, oltre ad una selezione dei premiati nelle edizioni più recenti. Quarantadue artisti hanno accettato l’invito, dando vita all’ “Omaggio al Premio Marina di Ravenna”: non solo una mostra, ma una vera e propria festa della pittura, ricca di valore tanto artistico quanto sentimentale.

L’appuntamento è per domenica 28 agosto presso la Galleria FaroArte a Marina di Ravenna, Piazzale Marinai d’Italia. Alle 17.30, alla presenza del Sindaco di Ravenna Michele de Pascale e di altre autorità cittadine, avrà luogo l’incontro con gli artisti, condotto da Alessandro Braga; alle 19.00 l’inaugurazione della mostra, che resterà aperta fino al 30 settembre e conterrà anche ricordi, foto e articoli di giornale d’epoca. Non mancherà il catalogo delle opere esposte, con biografie degli autori e commento critico di Claudio Spadoni. L’evento è patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Regione Emilia-Romagna, dalla Provincia di Ravenna e dal Comune di Ravenna.

Si ritroveranno artisti noti e meno noti; meritano una menzione speciale il bolognese Mario Nanni, 94 anni, e la coreana Bo Mi Kim, che arriverà per l’occasione da Seoul. Fra i rappresentati degli anni gloriosi dell’estemporanea, si segnalano il ravennate Guido Onofri, vincitore nel ’64; il fiorentino Mauro Cozzi, che vinse nel ’65 quando aveva appena 17 anni; il faentino Nevio Bedeschi, che si aggiudicò il Premio nel ’67; Vito Montanari, di Terra del Sole, vincitore nel ’72, che partecipò ininterrottamente a tutte le edizioni dal ’57 al 2000. Il legame anche affettivo che gli artisti hanno con il Premio e con Marina, che in Montanari ha la massima espressione, si rileva anche in tante altre storie. Citiamo ad esempio Nicola Carrino, Renata Boero, Antonio Tamburro, Franco Sumberaz, che parteciparono all’estemporanea (Carrino addirittura nel ’58) per poi tornare, artisti ormai affermati, a ricevere il premio negli anni 2000.

Ma la celebrazione non sarebbe completa se non fosse possibile rivedere le opere che, in tempi tanto diversi, hanno meritato il premio delle giurie. Un excursus emozionante che dà il segno dell’evoluzione del gusto e della stessa idea di opera d’arte nel corso di questi sessant’anni.

Perciò Capit ha messo a punto due iniziative collaterali. La prima è il sito web www.premiomarina.it, appositamente realizzato per la 60^ edizione del Premio, in cui è possibile non solo conoscere in anteprima gli artisti e le opere di quest’anno, ma anche ripercorrere l’Albo d’oro della manifestazione, ammirando gran parte dei numerosi dipinti premiati nel corso della manifestazione. Inoltre, è prevista l’uscita del volume “La storia del Premio Marina”, che racconterà la rassegna dalle origini ai giorni nostri, con un ricco corredo iconografico e i ritratti dei personaggi che hanno contribuito, nei rispettivi ruoli, a fare la storia del Premio.

 

 

La storia

Il “Premio Marina” nacque, spiegano ancora i promotori delle iniziative, da una felice intuizione dello scultore ravennate Walter Magnavacchi, che nel dopoguerra ebbe l’idea originale di dare vita a un Concorso di pittura estemporanea, cioè eseguita al momento.

Dopo due edizioni svoltesi a Cervia, Magnavacchi decise, su proposta dell’Azienda di Soggiorno ravennate, di trasferire la manifestazione a Marina di Ravenna.

La prima edizione del “Marina” si svolse dunque il 3 e 4 settembre 1955 presso il “Dancing Joli”, a cui furono ammessi 100 pittori. Nel 1956 gli organizzatori dovettero raddoppiare tale numero, a fronte di 394 richieste di adesione. L’anno seguente gli iscritti furono ben 657, di cui 236 partecipanti.

In pochi anni il “Marina” divenne, nel suo genere, la più importante manifestazione artistica italiana, anche per merito del giornalista e scrittore Luigi Servolini che a lungo si occupò della sua promozione.

Negli anni, il “Marina” fu in grado di richiamare, oltre a tanti principianti e semplici amatori, anche artisti all’epoca già conosciuti e affermati.

Anno dopo anno, l’arrivo per il Concorso di personaggi noti nel mondo dell’arte in qualità di componenti della giuria, di autorità governative e di personalità del mondo della cultura e dello spettacolo, contribuirono ad accrescere l’immagine del Premio, che passò dagli iniziali due giorni a un’intera settimana.

Grande fu anche il riscontro mediatico, testimoniato dalla realizzazione, in almeno 5 edizioni, di “film Luce” e dalla presenza a Marina di inviati di testate giornalistiche nazionali.

Dal 1960 il “Marina” ebbe una nuova sede presso il “Circolo dei Forestieri”, locale moderno e funzionale, che favorì un ulteriore sviluppo del Premio, arricchito da concorsi collaterali e serate di intrattenimento.

Per tutti gli anni ’60 il “Marina” rimase un evento di risonanza nazionale. Anche in seguito, nonostante i forti mutamenti sociali e l’evoluzione dei gusti ne limitassero gradualmente l’appeal, il Premio fu riproposto ogni anno, mantenendo la sua formula originaria; anche le difficoltà derivate dall’improvvisa scomparsa di Magnavacchi, nel 1981, furono superate grazie all’impegno di un gruppo di volontari, i quali riuscirono a garantire la continuità del concorso.

Ma quel “modello” era sempre più distante dal “sentire” delle nuove generazioni di artisti e, sul finire degli anni ’90 si assistette ad un progressivo declino della manifestazione, in un clima ormai lontano da quello di gioiosa partecipazione che nel passato l’aveva caratterizzata. Nell’edizione del 2000 le adesioni furono solo un centinaio e per la prima volta gli organizzatori decisero di fermare l’antico Premio.

Il legame affettivo con la manifestazione e con la località marittima convinse l’Associazione Capit a riportare alla ribalta il “Marina” dopo due anni di interruzione. Così, a partire dal 2003, abbandonando il concorso estemporaneo per la rassegna ad invito, che consentì di coinvolgere artisti affermati, la manifestazione è stata rilanciata.

Nel 2011 nuovo cambio di formula, col ritorno al concorso ma riservato ai giovani artisti under 35, premiati con l’opportunità di esporre in una sala personale al MAR o, come avvenuto nella scorsa edizione, presso il settecentesco Palazzo Rasponi dalle Teste, nel cuore di Ravenna.

 

I 42 ARTISTI PARTECIPANTI

(in ordine cronologico per anno di aggiudicazione del Premio)

 

Guido Onofri, Ravenna 1964

Mauro Cozzi, Firenze 1965

Nevio Bedeschi, Faenza (RA) 1967

Vito Montanari, Terra del Sole (FO) 1972

Walter Coccetta, Terni 1984

Franco Sumberaz, Livorno 1986 e 2005

Elio Carnevali, Pegognaga (MN) 1987 e 2005

Franco Chiarani, Arco (TN) 1988

Claudio Gotti, Almenno S. Salvatore (BG) 1990

Vanni Saltarelli, Saronno (VA) 1993

Temistocle Scola, Livorno 1994

Romano Bertelli, Ostiglia (MN) 1995

Ido Erani, Vecchiazzano (FO) 1997

Gamal Meleka , Milano 1998

Nadia Cascini, Arezzo 1999

Ugo Rassatti, Latisana (UD) 1999

Gianni Gueggia, Castrezzato (BS) 2000

Tommaso Cascella, Bomarzo (VT) 2003 e 2005

Bruno Ceccobelli, Todi (PG) 2003

Graziano Pompili, Montecchio (RE) 2003

Jean Gaudaire-Thor, Francia 2003

Erzsebet Palasti, Roma 2004

Concetto Pozzati, Bologna 2004

Erio Carnevali, Modena 2005

Franck Moeglen, Germania – U.S.A. 2005

Biagio Pancino, Francia 2005

Antonio Tamburro, Isernia 2005

Gabriella Benedini, Milano 2006

Claudie Laks, Francia 2006

Giuseppe Simonetti, Palermo 2006

Hermann Nitsch, Austria 2007

Renata Boero, Milano 2008

Nicola Carrino, Roma 2008

Vittorio D’Augusta, Rimini 2008

Mario Nanni, Bologna 2008

Vanni Spazzoli, Ravenna 2009

Giorgio Vicentini, Varese 2009

Ettore Frani, Roma 2011

Bo Mi Kim, Corea 2012

Giulia Dall’Olio, Bologna 2013

Federico Zanzi , Ravenna 2014

Federica Giulianini, Ravenna 2015

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018