14 settembre 2016 - Ravenna, Cronaca

Nel 2016 calano i reati nel Ravennate, il Questore: “E ora bonifichiamo gli Speyer”

La decisa diminuzione dei furti

I Furti sono calati quasi del 50% dal 2014 al 2016

 

Decisamente positivo il resoconto della Questura sui dati dei crimini commessi in Provincia di Ravenna negli ultimi tre anni, che vedono nei primi 8 mesi del 2016 una decisa diminuzione di furti, rapine, truffe e altri fatti delittuosi. La presentazione dei grafici (elaborati dall’ufficio statistico, presso la divisione anti-crimine) è avvenuta questa mattina durante una conferenza stampa che si è tenuta nei locali della Questura di Ravenna alla presenza del Questore Rosario Eugenio Russo.

Di grande importanza anche la diminuzione del picco che solitamente si registra nei mesi estivi, a seguito dell’aumentato bacino di popolazione.

I furti, che avevano raggiunto dimensioni quasi da emergenza nel 2014, e che costituiscono la tipologia preponderante di crimine in provincia sono calati nel 2016 di quasi il 50%.

Ma quali sono stati i fattori che hanno favorito il contenimento?

“Da parte della Polizia di Ravenna è stata messa in campo un’attività repressiva molto raffinata, anche grazie al piano di controllo del territorio ideato dalla dottoressa Lupo – ha spiegato il Questore –. Molto è stato fatto sulle bande criminali, in maggioranza dell’est Europa, che scorrazzano da una provincia all’altra arrivando a compiere anche 30-40 furti in un solo giorno. Abbiamo attuato, anche grazie al Reparto Prevenzione Crimine di Bologna, che ogni giorno ci invia 3-4 equipaggi, un’attività di prevenzione costante e di controllo capillare del territorio”.

Per quanto riguarda i giardini Speyer Russo spiega: “Stiamo monitorando l’area diverse volte alla settimana. Il mio obiettivo è bonificarla completamente”. E aggiunge: “La collaborazione con tutte le altre forze dell’ordine in questa zona e in tutta la provincia è un fattore che si sta rivelando sempre più importante”.

Infine un appello: “Anche la collaborazione dei cittadini nella lotta al crimine è da sottolineare – conclude Russo –. Noi invitiamo tutti a segnalarci i movimenti sospetti, come in tanti già fanno. Non sono pochi gli arresti avvenuti in flagranza proprio grazie a queste telefonate”.

C.N.
 

 

Guarda i dati su come sono diminuiti i reati in allegato

 

 

 

 

Tag: reati

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.