3 dicembre 2016 - Ravenna, Cronaca

Il critico Flavio Caroli ospite a Ravenna

A lui la la tessera di Socio Onorario dell’Associazione Dis-Ordine dei Cavalieri della Malta e di tutti i Colori

Flavio Caroli è stato ospite del Centro Relazioni Culturali per la presentazione del suo ultimo libro "Il museo dei capricci. 200 quadri da rubare", evento a cura dell’Associazione ex-allievi e docenti delle Scuole d’Arte Dis-ORDINE dei Cavalieri della Malta e di tutti i Colori.

 

L’illustre studioso, ordinario di Storia dell’Arte Moderna alla facoltà di Architettura del Politecnico di Milano, collabora con diverse testate giornalistiche, tra cui il “Corriere della Sera” e “Il Sole 24 Ore”, e con numerose riviste di storia dell’arte italiane e straniere; è conosciuto al grande pubblico per le sue partecipazioni alla trasmissione Che tempo che fa per parlare di arte. Nel suo ultimo libro narra la passione per la storia dell’arte attraverso una galleria ideale di 200 capolavori, quella suscitata dall’influenza culturale dovuta agli incontri con i suoi più importanti maestri che hanno guidato le sue scelte di stile verso la valorizzazione del patrimonio artistico del nostro Paese.

 

Flavio Caroli, originario di Ravenna e milanese d’adozione, ama tornare ricorrentemente nella sua città dove ritrova numerosi amici a riservargli una calorosa accoglienza e ieri, al termine della presentazione, Marcello Landi e Giuliano Babini, Presidente e Vicepresidente dell’Associazione Dis-ORDINE in rappresentanza degli ex-allievi e docenti delle Scuole d’Arte della città gli hanno consegnato la tessera di Socio Onorario dell’Associazione Dis-ORDINE dei Cavalieri della Malta e di tutti i Colori per l’affinità di intenti che intercorre tra gli scopi dell’Associazione e le tesi del noto critico ravennate. 

Tag: pittura

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.