6 dicembre 2016 - Ravenna, Agenda, Arte

Ravenna Walls, la street art immortalata dagli studenti del liceo classico

La mostra è coordinata dal fotoreporter Giampiero Corelli

La sala espositiva Palazzo Rasponi2 di via Massimo d’Azeglio 2 ospiterà, dal 7 dicembre all'8 gennaio, la mostra fotografica Ravenna Walls, realizzata dagli studenti del laboratorio fotografico del liceo classico Dante Alighieri, coordinato dal fotoreporter Giampiero Corelli.

L'esposizione, promossa dal Comune di Ravenna - Assessorato Politiche Giovanili, e patrocinata dall'Università di Bologna - Scuola di Lettere e Beni Culturali, Campus di Ravenna e dal GAI – Associazione Circuito Giovani Artisti Italiani, verrà inaugurata alle 17 del 7 dicembre alla presenza dell'Assessore Valentina Morigi e con la partecipazione dell'orchestra della scuola media secondaria di primo grado a indirizzo musicale Guido Novello di Ravenna.

La mostra, realizzata da giovani fotografi, è rivolta a un ampio pubblico proprio in virtù del tema trattato, quello della street art, sempre più apprezzato da differenti generazioni.

La mostra sarà visibile fino all'8 gennaio 2017, dal martedì al venerdì dalle 15 alle 19, il sabato e la domenica anche dalle 10 alle 13. Essa propone un'originale lettura dell'arte di strada attraverso le 27 foto in esposizione che offrono una panoramica a 360 gradi dei vari interventi artistici disseminati nel contesto urbano. Ad essere esposti non sono solo writing, graffiti e tags, manifestazioni ribelli e irriverenti della street art delle origini, ma anche interventi di pregio artistico eseguiti su grandi muri, realizzati in maggior parte durante il festival di street art Subsidenze promosso dall'Associazione Indastria in collaborazione con il Comune.

I murales immortalati nelle fotografie propongono il volto di una città che cambia e attestano come, anche attraverso l'arte contemporanea si possano riqualificare spazi e quartieri.

Il percorso fotografico celebra il legame tra la città di Ravenna e l'arte di strada.

Il progetto si avvale della collaborazione di nove tirocinanti, studenti della Scuola di Lettere e Beni Culturali, coordinati dal professor Gian Luca Tusini, docente di storia dell’arte contemporanea, che oltre a seguire le fasi di allestimento e promozione della mostra hanno curato il testo critico e approfondito la tematica della street art nei suoi vari e controversi aspetti.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017