23 gennaio 2017 - Ravenna, Cronaca

“Dora Moroni non ha mai smesso di lottare”, si invoca per lei la legge Bacchelli

La richiesta di Daniele Perini (Ama Ravenna)

Il Capogruppo di Ama Ravenna Daniele Perini si sta adoperando perché Dora Moroni ottenga il sostegno straordinario previsto dalla legge Bacchelli.

Ecco le sue parole in una lettera indirizzata al sindaco di Ravenna.

 

Pregiatissimo Signor Sindaco,

avvertiamo quasi l'obbligo morale di sottoporre alla Sua attenzione la delicata e grave situazione in cui versa Dora Moroni, la nota cantante e soubrette televisiva del cui caso già nel 2014 l'Amministrazione comunale di Ravenna, città in cui è tornata a vivere, si interessò, dandole una mano in un cartellone di eventi estivi.

La storia di Dora è, peraltro, ben nota, dal grande successo conseguito nel 1976-77 a fianco di Corrado nella prima edizione di Domenica in, con punte di diciotto milioni di telespettatori, in veste, elemento innovativo, di valletta ‘parlante’, che presenta, recita, canta e balla, da una popolarità, quindi, altissima e in costante ulteriore crescita, all'incidente automobilistico del 13 luglio 1978 che ne ha compromesso la carriera  e condizionato l'esistenza.

In coma per sei settimane, la Moroni deve affrontare  una lunghissima convalescenza e un complesso intervento chirurgico alla gola per recuperare l'uso della parola; altri momenti di difficoltà segnano la vita della cantante, quali il fallito matrimonio con il collega Christian, la morte nel 1997 della sorella Mary che tanto l'ha aiutata nel lungo periodo di recupero e nel dicembre 2016 la scomparsa della madre Martina, cui era legatissima.

L'artista non ha certo smesso di lottare ma, anche per i problemi economici che l'assillano (non ha ottenuto alcun indennizzo in seguito all'incidente), riteniamo opportuno cercare di aiutarla in maniera concreta.

La richiesta, Signor Sindaco, è di proporre, tramite Lei, il caso di Dora Moroni all'esame del presidente del Consiglio, Gentiloni, ai fini dell'ottenimento del sostegno straordinario previsto dalla Legge Bacchelli (L.440 dell'agosto 1985) a favore di cittadini che versano in stato di particolare difficoltà e che si sono distinti in campo letterario, culturale, scientifico, artistico etc”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.