14 marzo 2017 - Ravenna, Cronaca

Polizia ancora in ospedale, denunciato 34enne

Nuovo caso di disturbi in corsia; l'uomo era già conosciuto alle Forze dell'Ordine

Qualche sera fa, una Volante della Polizia è intervenuta al Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile per la segnalazione di una persona che disturbava.

Immediatamente intervenuti, gli agenti hanno riconosciuto un abituale seccatore, un 34enne di origine indiane: è almeno il terzo intervento effettuato quest’anno dalla Polizia con identiche modalità. L’uomo, che si trovava disteso su di una lettiga, versava in un evidente stato di ubriachezza e ha dichiarato ai poliziotti di essersi recato in Ospedale in cerca di assistenza medica. Il 34enne residente a Vicenza, gravato da molteplici precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, è destinatario di un provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Ravenna per la durata di tre anni, emesso dal Questore a gennaio scorso. Dopo gli accertamenti clinici, che anche in questa occasione hanno riscontrato solo uno stato di ebrezza, l’uomo è stato accompagnato in Questura per i procedimenti di rito.

Per quanto accaduto, gli agenti lo hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria per l’inosservanza al provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Ravenna e per non avere esibito il passaporto od altro documento di identificazione ed il permesso di soggiorno, senza giustificato motivo. Per lo stato di forte ubriachezza nel quale versava, il 34enne è stato denunciato all’Autorità Amministrativa. 

Tag: polizia

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.