21 marzo 2017 - Ravenna, Agenda, Cronaca

“La vita non è il male”, alla Sala D’Attorre un’inedita conversazione sul bene

Venerdì 24 marzo

Venerdì 24 marzo alle 18 alla Sala D'Attorre, per gli incontri del Centro Relazioni Culturali del Comune di Ravenna, l'atteso ritorno a Ravenna di Gabriella Caramore e Maurizio Ciampa, protagonisti di una delle rubriche più seguite ed apprezzate di Radio 3, con la presentazione del loro ultimo volume La vita non è il male. Cinque capitoli di riflessione sulle tracce del bene, edito dalla Salani. La Caramore, forse tra le più efficaci comunicatrici dei temi della spiritualità come “luogo di confine della conoscenza” unisce ad una formazione rigorosa la straordinaria capacità di rendere accessibili i contenuti più reconditi e complessi della via spirituale.

In un contesto storico e sociale in cui il disordine e la presenza del male sembrano imperare costantemente nelle nostre vite quotidiane, Caramore e Ciampa si sono fermati a interrogarsi sul bene, con particolare interesse verso quello della collettività, in un’auspicabile “rete di fraternità”.

L'interrogativo è sempre quello: come nasce il bene, quali forme assume, come fa ad affiorare se tutto attorno è circondato solo da un male sempre più cupo e invadente? Le risposte che giungono sono molteplici, nessuna è portatrice della verità assoluta, di sicuro il bene non cessa mai di esistere e rinnovarsi, sta a noi il compito di cercarlo costantemente.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.