15 giugno 2017 - Ravenna, Agenda, Cronaca, Eventi

"Un fiume di genti" alla scoperta del Lamone

Tutto pronto per la terza edizione dell’escursione non competitiva

Un viaggio festoso di 52 chilometri lungo gli argini del fiume Lamone, da percorrere ciascuno con il proprio passo per incontrare le persone che frequentano il fiume, abitano nelle vicinanze, ne hanno cura ogni giorno. Dopo il successo delle prime due edizioni torna sabato 24 giugnoUn fiume di Genti”, l’escursione non competitiva lungo gli argini del fiume Lamone da Faenza a Marina Romea nata per promuovere la conoscenza del territorio fluviale a cittadini, turisti e sportivi.

 

Organizzata dal Comitato AcqueTerre e dalla Strada della Romagna, con il patrocinio dei Comuni di Faenza, Russi e Bagnacavallo e la collaborazione del Comune di Ravenna e di un’ampia rete di partner composta da associazioni sportive, non profit e attività private, l’evento mira a valorizzare un percorso di mobilità dolce lungo gli argini del fiume che ha segnato la storia del territorio ravennate e che apre una via di relazioni tra l’Appennino tosco romagnolo e il litorale adriatico, sulla direttrice Firenze-Ravenna. Come un fiume cresce grazie ai suoi affluenti fino all’incontro con il mare, così i partecipanti formeranno “Un Fiume di Genti” che crescerà chilometro dopo chilometro fino ad arrivare in riva all’Adriatico. Alla presentazione in municipio erano presenti Laura Montanari di AcqueTerre, Maida Cattaruzza della Strada della Romagna, l’assessore a Sport e mobilità, Roberto Fagnani, l’assessore all’Ambiente, Gianandrea Baroncini, e l’assessore all’Ambiente del Comune di Faenza Antonio Bandini.

 

“Sono i primi passi per una promozione turistica e sportiva partecipata del fiume Lamone in vista di una migliore percorribilità degli argini e di un sistema di offerta turistica integrata – hanno spiegato gli organizzatori della manifestazione –. Dopo i buoni risultati dell’edizione pilota dello scorso anno, siamo contenti di aver raccolto tanto interesse sul territorio per valorizzare un fiume che è stato elemento essenziale della nostra storia e può essere risorsa preziosa anche per il nostro futuro in termini di incontri, socializzazione, turismo e benessere”.

 

“Crediamo sia un evento che coniuga tanti fattori – hanno sottolineato gli assessori Fagnani e Baroncini -: mobilità sostenibile, sport, benessere, armonia con l’ambiente, enogastronomia, collegamento con il territorio. La dimostrazione di come attività sportive non agonistiche si prestino per promuovere il turismo sostenibile del nostro territorio. Un evento che ci riporta a vivere il fiume come avveniva un tempo, un valore aggiunto per una maggiore consapevolezza da parte della comunità delle potenzialità del patrimonio naturalistico”.

 

 

Il percorso

Il viaggio lungo gli argini del Lamone partirà dal centro storico di Faenza, con le sue botteghe ceramiche, il Museo Internazionale MIC e la pinacoteca, proseguendo per Palazzo San Giacomo e Villa Romana a Russi, l’Ecomuseo di Villanova, i luoghi della “trafila garibaldina”, le pinete e le valli a ridosso di Marina Romea fino a finire a Ravenna con le memorie di Dante e i suoi molteplici punti di richiamo e di interesse turistico che vengono toccati dalla direttrice del fiume.

 

A un primo gruppo di podisti (long runners) e bikers che partiranno da Faenza (Piazza della Libertà) se ne aggiungeranno altri, come anche i nordic walkers, dalle varie località situate lungo il corso del Lamone, dai quartieri di Faenza, Reda, Granarolo, Russi, Bagnacavallo, Traversara Villanova, Sant’Alberto, Ravenna. Le partenze dai vari punti saranno programmate in modo che l’arrivo alla foce del Lamone sia collettivo, tenendo conto che non è una competizione, ma un evento all’insegna della condivisione. Il “traguardo” sarà alla foce, presso il Circolo Nautico di Marina Romea, dove i partecipanti potranno ristorarsi con una degustazione a base di pesce azzurro e prodotti tipici. I vini in abbinamento saranno quelli di qualità dei Soci della Strada della Romagna.

 

 

Il programma in pillole

Ore 6.30 – Ritrovo a Faenza in Piazza della Libertà

Ore 7.00 – Punto di ristoro a Ronco

Ore 8.20 – Punto di ristoro a Madrara

Ore 9.30 – Punto di ristoro a Villanova di Bagnacavallo

Ore 11.00 – Punto di ristoro a San Romualdo

Ore 12.00 – Passaggio a Casetto Quattrocchi

Ore 12.00 – Inaugurazione dell’opera dell’artista Luigi Rubetti

Ore 12.30 – Arrivo a Marina di Romea di ciclisti e podisti e musica con Ivan Corbari

Ore 13.00 – Buffet conviviale con prodotti tipici

 

Per informazioni e iscrizioni:

Strada della Romagna - info@stradadellaromagna.it - 0546 691298

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.