17 luglio 2017 - Ravenna, Cronaca, Eventi

Antico Porto al chiaro di Luna, arriva il Festival Internazionale del Cinema Archeologico

Sarà presente il professor Giuliano Volpe, presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali

Domani, martedì 18 luglio, all’Antico Porto di Classe, serata di apertura della seconda edizione del Festival Internazionale del Cinema Archeologico di Ravenna - Premio Olivo Fioravanti, a cura di Fondazione RavennAntica e Archeologia Viva.

Alle ore 21 il Presidente di RavennAntica Giuseppe Sassatelli introdurrà il professor Giuliano Volpe, presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali, che in compagnia di Piero Pruneti, Direttore di Archeologia Viva, converserà sul tema del suo ultimo libro Un patrimonio italiano. Beni culturali, paesaggi e cittadini (UTET).

Iniziando dall’indagine sul territorio, Giuliano Volpe parlerà del futuro del nostro patrimonio.
Un viaggio nell’Italia migliore, un tour ideale tra musei, parchi, monumenti, gestiti “dal basso”: tante soluzioni diverse che dimostrano come sia possibile fare dell’eredità culturale un elemento vivo e un fattore di coesione e di crescita di una comunità, grande o piccola che sia.
Quante energie, quanto entusiasmo, quante capacità animano il nostro Paese: ma le energie devono essere sostenute, l’entusiasmo non va spento, le capacità meritano di essere sviluppate.
In questo saggio rapido e palpitante sono raccolte storie e situazioni in cui gli ostacoli sono stati trasformati in opportunità, in cui la voglia di fare italiana ha trovato spazi e possibilità per mettersi alla prova, e riuscire. Un messaggio di ottimismo della volontà che viene da grandi fondazioni e da società pubbliche, da piccole associazioni o da giovani professionisti. Un messaggio da raccogliere e valorizzare: è questo il nostro vero patrimonio.

Al termine della presentazione, alle ore 21.30, proiezione dei seguenti film, selezionati da Dario Di Blasi, uno dei massimi esperti del settore:

Cirene Atene d'Africa
Regia: Giuseppe Dromedari - Durata: 40’
Un documentario accompagna lo spettatore nel lungo viaggio che ripercorre la storia della colonia greca di Cirene (Libia) svelandone i mutamenti urbanistici.

I confini del mare Tirreno e Adriatico diviso tra Etruschi, Fenici e Focesi
Regia: Maurizia Giusti - Durata: 36’
Il Mediterraneo, cinque secoli prima di Cristo era diviso tra diverse popolazioni che se ne contendevano il controllo. Segnò questa spartizione la grande battaglia navale di Aleria o Alalia in Corsica, dove si scontrarono Fenici, Etruschi e Focesi.

Le conversazioni e proiezioni sono ad ingresso gratuito. Si consiglia la prenotazione: tel. 0544 478100

Alle ore 19, è in programma una visita guidata al sito archeologico con aperitivo finale.
Costo:
€ 10 a persona, prenotazione obbligatoria: tel. 0544 478100.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017