7 settembre 2017 - Ravenna, Cronaca

Minacce ad Andrea Maestri sul web, in tanti gli manifestano solidarietà e vicinanza

I pesanti insulti dopo un esposto

Parole gravissime sono giunte da parte di un utente di Facebook all’indirizzo di Andrea Maestri e di sua figlia in seguito ad un esposto della scorsa primavera contro il leader della Lega Nord, Matteo Salvini. Il parlamentare ravennate ha poi denunciato l’autore dei pesanti insulti (uno dei più pesanti fra i tanti indirizzati alla sua persona per il suo impegno antirazzista) tenendo, però, riservata la notizia per rispetto delle indagini. Nelle scorse ore, Maestri ha deciso di rendere nota la vicenda denunciando “La pericolosa onda razzista e neofascista che sta montando nel nostro Paese e nella nostra provincia”.

 

Tante le manifestazioni di solidarietà nei suoi confronti. Fra le altre anche quella della Cgil.

 

“Apprendiamo con stupore delle intimidazioni inviate via web all'avvocato e deputato ravennate Andrea Maestri – spiega in una nota Costantino Ricci, Segretario Generale CGIL Provincia di Ravenna -. Una squallida reazione all'impegno sincero e determinato dell'uomo e del parlamentare contro razzismi e xenofobie. Al suo indirizzo parole vili e spregevoli, il sintomo di una nuova barbarie che mai avremmo pensato di leggere e sentire. A Maestri ed alla sua famiglia la solidarietà e la vicinanza, mia personale e di tutta la Cgil di Ravenna”.

 

Su Facebook l’assessore all’Immigrazione Valentina Morigi ha spiegato: “Andrea Maestri, avvocato e deputato ravennate, è conosciuto per il suo impegno, professionale e politico, contro le disuguaglianze, i pregiudizi, il razzismo. Apprendo solo ora che nei mesi scorsi lui e la sua famiglia sono stati oggetto di intimidazioni di una violenza indicibile. Gli esprimo la mia solidarietà, come amministratrice, come cittadina e come donna, e mando un abbraccio a lui e alla sua famiglia”.

 

Anche il gruppo CambieRA' ha espresso "massima solidarietà al deputato ravennate di Possibile Andrea Maestri, vittima di un attacco mediatico ignobile e intimidatorio, che condanniamo con tutte le nostre forze. La divergenza di opinioni, e il rispetto delle idee altrui sono concetti basilari della Costituzione italiana, nonché di una civile convivenza - spiega il gruppo consiliare in una nota -. Non può, e non deve passare il concetto che l'insulto e la minaccia mediatica siano cosa meno grave di quella diretta".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017