14 settembre 2017 - Faenza, Cronaca

Avevano oltre 11mila euro nascosti in casa: denunciati per ricettazione

Gioielli e orologi di marca, coppia "sotto la lente" dei Carabinieri: nessuna spiegazione sulla provenienza del denaro

Una coppia è finita sotto la lente dei Carabinieri è stata trovata in possesso di oltre undicimila euro in contanti nascosti nell’abitazione. I due, entrambi disoccupati ed ufficialmente senza reddito, non hanno giustificato la provenienza di quel denaro che è stato sequestrato poiché ritenuto di provenienza illecita, spiega l'Arma in una nota stampa.

 

Il “blitz” dei Carabinieri di Faenza risale a qualche giorno fa, quando i militari della Stazione Borgo Urbecco insieme a quelli del Radiomobile si sono presentati alla porta di un 41enne ed una 34enne di etnia rom . I militari dell’Arma nel corso di alcuni controlli avvenuti di recente, avevano notato che i due coniugi portavano indosso gioielli, anelli, collane d’oro e orologi di marca che sembravano decisamente “esagerati” per le loro possibilità essendo entrambi disoccupati e senza reddito. Inoltre il 41enne, noto alle forze dell'ordine poiché già arrestato e denunciato per diversi reati soprattutto contro il patrimonio, negli ultimi tempi era stato visto più volte alla guida di un camper nuovo di zecca che a seguito di accertamenti era risultato del valore di circa 55mila euro.

Alla fine i Carabinieri hanno voluto vederci chiaro e dopo aver approfondito la situazione reddituale dei due coniugi avvalendosi della collaborazione dei militari della Guardia di Finanza, hanno bussato alla porta del loro appartamento per sottoporlo a perquisizione.

Quando i militari dell’arma sono arrivati a perquisire l’armadio della camera da letto dei bambini, hanno trovato 4200 euro in contanti nascosti fra i pannolini ed i vestitini. Le spiegazioni dei due coniugi circa il possesso di quella cifra non hanno affatto Convinto i carabinieri che hanno continuato a cercare nonostante la coppia avesse negato di avere altro denaro in casa.

L’esito delle ulteriori ricerche ha confermato i sospetti dei militari dell’arma che hanno trovato un borsello contenente 7300 euro in contanti, un vero e proprio “tesoretto” che era stato nascosto sopra la finestra della camera da letto matrimoniale, precisamente all’interno del cassone dell’avvolgibile.

In totale i carabinieri hanno “raccolto” durante la perquisizione dell’abitazione la cifra complessiva di 11.500 euro, tutti in tagli da 50 e 100 euro.

Gli occupanti della casa non hanno giustificato in alcun modo la lecita provenienza di quel denaro tantomeno hanno spiegato le ragioni per cui poco prima l’avevano tenuta nascosta ai carabinieri dopo il ritrovamento della prima “partita” di banconote nella camera dei bambini. Nel corso della perquisizione è saltato fuori anche un orologio “Rolex” del valore di circa 5000 euro che dopo una serie di accertamenti è risultato regolarmente acquistato e pagato in contanti in una gioielleria della romagna così come è risultato regolare l’acquisto di un secondo “Rolex” che il 41enne portava al polso.

Concluse le operazioni nell’abitazione, i Carabinieri hanno perquisito anche tutti i mezzi nella disponibilità dei due, fra cui il costoso camper di recente immatricolazione che era stato visto più volte nella disponibilità del 41enne.  

A quel punto i Carabinieri li hanno denunciati entrambi per “ricettazione” ed hanno sequestrato l’intera somma di denaro trovata nell’abitazione, ravvisando delle evidenti incongruenze con la loro situazione reddituale accertata dalla guardia di finanza. I militari dell’Arma hanno già avviato le indagini per cercare di risalire alla provenienza di quelle banconote, concludono i Carabinieri.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.