14 settembre 2017 - Ravenna, Sport

Porto Robur Costa, "open day" per i più piccoli

Il 16 e il 24 settembre

 Il Porto Robur Costa organizza due “Open Day” di minivolley, indirizzati ai giovanissimi nati dal 2006 al 2011, durante i quali gli allenatori e gli istruttori del vivaio insegneranno le prime basi di questo sport, ovviamente in un contesto di puro gioco e divertimento, evidenzia la società in una nota. Il primo dei due appuntamenti è in programma per sabato 16 settembre, alle ore 15, alla palestra della scuola Montanari, in via Aquileia 29. La seconda data è fissata per domenica 24 settembre, alle ore 10.30, al PalaCosta in piazza Caduti sul Lavoro 13. Nel corso dei due Open Day saranno consegnati ai partecipanti dei coupon che daranno diritto all’estrazione a sorte di due biglietti gratuiti per assistere alla prima partita di campionato di Superlega in programma il 15 ottobre, con la Bunge che al Pala De André affronterà Piacenza. Per ulteriori informazioni chiamare dal lunedì al venerdì (ore 10-13) al numero della sede del Porto Robur Costa (0544.421032), oppure al 335.8185487.

 

“Siamo orgogliosi – afferma il presidente del Porto Robur Costa, Luca Casadio di dare la possibilità a questi bambini di provare a giocare a uno sport meraviglioso come la pallavolo, di cui Ravenna è una delle capitali italiane. La nostra speranza è far vivere anche a loro le stesse sensazioni che abbiamo vissuto noi da giovani. Abbiamo la fortuna di poter contare su un direttore generale come Marco Bonitta e un responsabile del vivaio come Pietro Mazzi, che rendono ancora più qualificata e professionale la nostra attività giovanile. Nella passata stagione abbiamo partecipato a ben cinque finali nazionali ed è da quando siamo nati, dal 2004, che piazziamo sempre almeno una squadra alle fasi tricolori e non penso ci siano altre società in Italia che possano vantare un simile risultato. Questo è anche il frutto della collaborazione con il Romagna In Volley, del quale consorzio facciamo parte in maniera paritaria come altri club del territorio”.

 

“Con queste iniziative di promozione gratuite – aggiunge il direttore generale, Marco Bonitta intendiamo incentivare ciò che è già molto sentito all’interno della nostra società, e cioè una grandissima attenzione al settore giovanile. Il nostro è un club che lavora, crede e scommette sui giovani e ne è la dimostrazione la storia di Fabio Ricci, nato e cresciuto nel vivaio del Porto Robur Costa e poi diventato uomo e giocatore da nazionale vestendo la maglia di Ravenna, per poi trasferirsi in un top club come Perugia. Chi si avvicina a noi deve sapere che troverà un ambiente sano, uno spirito di gruppo e, per ultimo, anche la possibilità, se avrà la capacità, di compiere un percorso completo che lo potrà portare fino alla Serie A”.

 

Come spiega infine il responsabile del settore giovanile, Pietro Mazzi, “il progetto dedicato ai giovani pallavolisti ravennati trova la sua forza principale nella sinergia tra la grande passione e l’affetto per i ragazzi da parte del gruppo dirigenti e il lavoro quotidiano di uno staff di allenatori molto preparato, con capacità tecniche di alto livello e sensibilità educative. Oltre all’obiettivo agonistico è considerato con la stessa importanza l’obiettivo sociale e quindi l’utilizzo della pallavolo come strumento di crescita e sviluppo dell’autostima per tutti i ragazzi coinvolti. Per questo a ogni giovane verrà proposto un percorso adatto alle sue caratteristiche personali”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.