21 settembre 2017 - Ravenna, Cronaca

In arrivo cinque milioni di euro per la Rocca Brancaleone

Inserita nel piano strategico Grandi progetti beni culturali

Nel piano strategico Grandi progetti beni culturali, che per il 2019 prevede lo stanziamento di 65 milioni di euro per 17 interventi, è previsto anche un finanziamento da cinque milioni di euro per la Rocca Brancaleone di Ravenna.

Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, a margine della Conferenza delle Regioni, ha annunciato oggi l’unanime parere positivo delle Regioni, che sarà formalizzato nella Conferenza Unificata.

Il Comune di Ravenna - si legge in una nota - insieme con la Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le Province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, aveva sensibilizzato il ministero nei mesi scorsi, per una piena valorizzazione della Rocca, che non si limiti a preservare l’esistente ma porti a una piena rivitalizzazione della struttura e della zona circostante, naturalmente nel rispetto del valore storico-architettonico del bene, e per rendere maggiormente attrattiva e frequentata l’area da cittadini e turisti.

“Da più di un anno abbiamo indicato - spiega il sindaco di Ravenna Michele De Pascale - come una delle priorità strategiche rispetto al recupero del nostro patrimonio artistico, la completa riqualificazione della Rocca Brancaleone e lo sviluppo di tutte le potenzialità che quel luogo può offrire ai ravennati e ai turisti. Ci siamo messi al lavoro da subito, scegliendo di non aspettare solo aiuti esterni, ma prevedendo già nel bilancio di quest’anno e a seguire per il 2018 e 2019, 500 mila euro all’anno per gli interventi di massima urgenza legati alle parti murarie che rischiano di crollare, per un totale di un milione e mezzo di euro in tre anni.

Contemporaneamente, insieme al sovrintendente architetto Giorgio Cozzolino, che ringrazio per il grande sostegno dato a questa progettualità, abbiamo interessato direttamente il ministro Franceschini, perché riteniamo che la Rocca possa essere veramente un elemento di fruizione importante per la città, anche collegato alle suggestioni che il Ravenna Festival e Cristina Mzzavillani Muti ci hanno rappresentato rispetto alle potenzialità di sviluppo di questo spazio. Abbiamo confidato nella grande sensibilità del ministro, più volte dimostrata rispetto al patrimonio culturale del nostro Paese, e non ci siamo sbagliati, Franceschini si è appassionato moltissimo al progetto – anche nelle sue recenti visite a Ravenna ha voluto ulteriormente visitare la Rocca - e ha inserito un finanziamento di cinque milioni di euro nel Piano strategico Grandi progetti beni culturali. Lo stanziamento ha visto l’approvazione del Consiglio superiore dei beni culturali e, grazie anche all’interessamento del presidente Bonaccini, il parere favorevole della Conferenza delle Regioni oggi pomeriggio.

Questo finanziamento, aggiunto a quello già previsto dal Comune di Ravenna, permetterà non solo di mettere in sicurezza tutta la cinta muraria e la completa riqualificazione del parco, ma anche un miglioramento significativo dei servizi di accoglienza e di ristoro presenti all’interno della Rocca e la realizzazione nella cittadella di una grande arena concerti. Abbiamo già il progetto di recupero, ma ci metteremo immediatamente al lavoro insieme alla Sovrintendenza al fine di studiare tutte le soluzioni tecniche per far sì che questo investimento dia luce ad un luogo magico per la nostra città.

Rocca Brancaleone - Estata costruita nel 1441 dai veneziani quando assunsero il controllo di Ravenna. Il sito si divide in due parti: la Rocca, che oggi ospita eventi come il Ravenna Jazz festival, e la Cittadella, ora adibita a parco per i bambini. Nel 1965 la proprietà è passata al Comune di Ravenna. Fra il 1972 e il 1980 si sono succeduti alcuni interventi di recupero con un duplice obiettivo: recuperare l’immagine originale della fortezza e la sua destinazione ad uso pubblico attraverso la creazione di un parco e un teatro all’aperto.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.