3 ottobre 2017 - Ravenna, Cronaca

Accerchiano un 30enne e cercano di rubargli lo zaino, scappano all'arrivo dei Carabinieri

Arrestati un 41enne e un 26enne

I Carabinieri della Compagnia di Ravenna sabato scorso hanno arrestato con l’accusa di rapina due cittadini stranieri.

Nel pomeriggio giungeva una chiamata al 112 di un uomo che chiedeva aiuto all’ingresso dell’ospedale di Via Missiroli. La gazzella giunta sul posto ha visto un uomo a terra e due soggetti chini su di lui, che alla vista dei militari sono fuggiti dalla parte opposta.

I carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, dopo aver prestato soccorso all’uomo a terra, identificato successivamente proprio nel richiedente, un cittadino tunisino di 30anni, si ponevano sulle tracce dei fuggiaschi che dopo poco sono stati raggiunti e bloccati. Uno dei due aveva ancora in mano un cacciavite.

Grazie ad alcune testimonianze gli investigatori hanno ricostruito così l’accaduto: I due fermati, originari del centro africani di 41anni e 26anni, avevano avvicinato con una scusa il tunisino e dopo averlo accerchiato avevano tentato di strappargli lo zainetto. Il malcapitato invece era riuscito a trattenere la borsa con tutte le sue forze ed estrarre il cellulare per comporre il numero di emergenza. I due aggressori, non paghi, con un cacciavite tentavano di infilzarlo desistendo solo grazie all’arrivo della gazzella chiamata proprio dalla vittima.

L’aggredito, che per fortuna ha riportato lievi traumi ed escoriazioni, se la caverà con qualche giorno di riposo.

I due assalitori con le evidenze raccolte dai militari sono stati tratti in arresto per rapina aggravata e condotti in carcere. Oggi con la convalida il giudice ne ha disposto la permanenza in carcere sino alla prossima udienza.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.