14 novembre 2017 - Ravenna, Cronaca

Gli appuntamenti diocesani per la Giornata dei Poveri

Istituita dal Pontefice

“Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e nella verità” (1 Giovanni 3, 18). È il messaggio che da qualche giorno campeggia sopra la porta d’ingresso del Duomo. Un appello (tratto dal messaggio di Papa Francesco per questa occasione) che ricorda a tutti, fedeli e passanti, la Giornata dei Poveri che si celebrerà in diocesi il prossimo 19 novembre, spiega la Diocesi. E' stata programmata una serie di iniziative. La Giornata, istituita dal Pontefice al termine del Giubileo della Misericordia, è organizzata dalla Caritas diocesana in stretta collaborazione con altri uffici pastorali. E l’obiettivo è quello di “creare occasioni di incontro, non solo di assistenza, con le persone fragili e in difficoltà”, spiega il direttore della Caritas diocesana don Alain Gonzalez Valdès, nello spirito con cui è nato questo appuntamento.

Tre gli appuntamenti messi in calendario dalla Caritas per questa giornata.

Il primo sarà giovedì 16 novembre alle 16, quando una trentina di persone in difficoltà e operatori Caritas visiteranno la basilica di San Vitale. L’iniziativa, già sperimentata in altre due occasioni, ha già registrato il “tutto esaurito”. In serata, ci si sposterà nella parrocchia di San Biagio per un momento conviviale con un gruppo di giovani della parrocchia.

Il giorno successivo, venerdì 17 novembre, nella chiesa di Santa Maria del Suffragio (piazza del Popolo) sarà invece il coro lirico “Calamosca-Mariani”, alle 20.30, a proporre un concerto lirico per le persone invitate dalla Caritas, operatori e chiunque vorrà unirsi. Ma sarà domenica 19 novembre il momento più significativo della Giornata dei Poveri a Ravenna: alle 16, in Cattedrale, l’arcivescovo Lorenzo incontrerà famiglie in stato di bisogno che si rivolgono alla Caritas, persone fragili, realtà che quotidianamente incontrano le povertà assieme a tutta la comunità diocesana.

Dopo un momento di riflessione da parte dell’arcivescovo sulla “Chiesa in ascolto”, si darà voce alle persone presenti, che potranno raccontare le loro storie, la loro situazione di emarginazione e le cause che l’hanno determinata. Sarà l’occasione per conoscere meglio tutte quelle realtà territoriali, dai dormitori cittadini alla mensa di San Rocco, che possono offrire un aiuto e un sostegno a chi si trova in un periodo di difficoltà. E alla serata sono invitate anche tutte le realtà cittadine che si occupano di povertà. “L’obiettivo – chiosa il direttore della Caritas – è lavorare insieme su situazioni di povertà sempre più complesse. E la nostra Chiesa ha ben in mente che deve ascoltare tutti su questo e riflettere su quel che pensa anche chi non fa parte del nostro mondo”. In apertura dell’evento ci sarà l’esibizione del “coro degli Afasici” dell’associazione A.L.I.Ce, che riunisce persone reduci da un ictus cerebrale e afasiche che seguono un percorso di riabilitazione attraverso la musicoterapia. La serata si concluderà a Santa Teresa con un momento conviviale.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017