20 novembre 2017 - Ravenna, Eventi

Concerto di Natale a Gerusalemme, dirige Paolo Olmi

Sul palco la Young Musicians European Orchestra

Sabato 2 dicembre, ore 20.30, Chiesa del Centro Notre Dame di Gerusalemme 3, HaTsanhanim (Paratroopers) Road, Jerusalem in collaborazione con Rai 5 si tiene il Concerto di Natale con la Young Musicians European Orchestra. Direttore il ravennate Paolo Olmi. Da qualche anno  Olmi si dedica al Concerto di Natale e al Concerto di Pasqua realizzati  in Terra Santa con la Young Musicians European Orchestra, per la quale seleziona ogni anno giovanissimi da tutto il mondo, "animati da entusiasmo, capacità e bravura", spiegano gli organizzatori. Programma:

 

Cristian Carrara (1977), Mater - per orchestra d’archi

 

Antonio Vivaldi (1678-1741), Concerto in re minore per due violini violoncello e archi op.3 n.11

Solisti: Yevgeniy Kostrytskyy, Gennaro Cardaropoli – violini; Klaus Broz - violoncello

 

Antonio Vivaldi (1678-1741),  Concerto in si minore per 4 violini, violoncello e archi op.3 n.10

Solisti: Yevgeniy Kostrytskyy, Matteo  Cimatti, Gennaro Cardaropoli, Giuseppe  Mengoli – violini; Klaus Broz - violoncello

 

Wolfgang Amadeus Mozart, Sinfonia Concertante in mi bemolle maggiore K364

Solisti: Gennaro Cardaropoli violino, Timothy Ridout - viola

 

Paolo Olmi ha studiato direzione d'orchestra con Franco Ferrara e si è poi perfezionato con Massimo Pradella. Ha diretto grandi orchestre in importanti teatri in tutto il mondo, eseguendo quasi tutti i titoli verdiani, opere di  Puccini, Mozart, Donizetti, Giordano e grandi titoli della musica contemporanea. Ha diretto solisti quali Gazzelloni, Accardo, Ughi, Maria Tipo, Weissemberg e cantanti come Georghiu, Raimondi, Guleghina, Kraus.

Tra le numerose apparizioni televisive, il Concerto trasmesso in Mondovisione in occasione del XX anniversario di pontificato di Giovanni Paolo II.

Paolo Olmi è stato Direttore e Consulente Artistico dell’Orchestra di Roma della Rai dal 1990 al 1993, Direttore Musicale e Consulente Artistico dell’Opera Nationale de Nancy et de Lorraine dal 2006 al 2011 e dal 2002 è Visiting Professor presso la Guildhall School for Music and Drama di Londra.

 

Gennaro Cardaropoli ha iniziato a suonare il violino a 6 anni. Vincitore di numerosi premi, tra i quali il Concorso violinistico “Giorgetti” della Filarmonica della Scala di Milano e il  Premio OSSCA 2016 dedicato ai Giovani Talenti,  si è esibito su importanti palcoscenici e ha partecipato a prestigiosi festival (Festival Hubermann a Tel Aviv, “Festival Strad” di Berlino, Carnegie Hall di New York). Il 22 settembre 2016 si è esibito da solista alla Metallener Saal Musikverein di Vienna.

Ha eseguito con diverse orchestre concerti di Mozart, Beethoven, Tschiaikovski, Brahms, e a Lugano ha eseguito il Concerto di Ligeti per violino ed orchestra diretto da A. Tamayo. Come solista, ha eseguito il Concerto di Tschiaikovski per violino ed orchestra presso l'Orchestra “La Verdi” a Milano diretto da Zhang Xian e si è esibito sempre da solista nel doppio Concerto di Brahms e Paganini Violin Concert n. 1 con l'Orchestra “I Pomeriggi Musicali” di Milano. Attualmente suona in Germania nella Mannheimer Philharmoniker come I° violino. Suona un violino G. B. Guadagnini, Torino 1783 e utilizza un Arco W. E. Hill appartenuto a Franco Gulli per gentile concessione della “Fondazione Pro-canale” di Milano.

 

Timoty Ridout è nato a Londra nel 1995, dove si è diplomato presso la Royal Academy of Music con un Queen’s Award for Excellence. Nel 2016 è stato il primo vincitore britannico del Concorso Internazionale Viola di Lionel Tertis. Attualmente studia alla Kronberg Academy in Germania con Nobuko Imai.

Ha tenuto recital a Wigmore Hall, al Gasteig di Munich, al Brighton Festival, al Verbier Academy & Festival e allo Schloss Elmau e ha suonato con il Nash Ensemble.   

Ha suonato come solista con i Solisti di Zagabria, la Rotterdam Philharmonic Strings, la European Union Chambere molti altri, inclsa la premiere di un nuovo lavoro di Desmond Clarke a Milton Court, Barbican. Ha collaborato con Ana Chumachenko, Maxim Vengerov, Lawrence Power, Tabea Zimmermann, Steven Isserlis e Franz Helmerson. Gli impegni futuri comprendono concerti come solista con la Deutsche Staatsphilharmonie Rheinland-Pfalz, la Baden-Baden Philharmonie e la Sinfonia Cymru,

Timothy gode del sostegno dell'Amaryllis Fleming Foundation e del Bowerman Charitable Trust.

Timothy suona una viola di Peregerino di Zanetto (1565-75 circa) generosamente prestata dalla Beares International Violin Society.

 

La Young Musicians European Orchestra, fondata nel 2006 dal Maestro Paolo Olmi, è formata da musicisti diplomati nei principali conservatori europei, canadesi, cinesi, russi, kazachi, di età dai 17 ai 30 anni. La formazione dell'Orchestra varia dai 25 ai 90 strumentisti, a seconda del repertorio. Tra i diversi talenti emersi dalla Young Musicians European Orchestra, nominiamo Roman Kim, Yury Revich, Jonathan Roozeman e Kian Soltani.

 

 

Concerto organizzato da: Cooperativa Emilia Romagna Concerti, in collaborazione con Ambasciata d'Italia in Israele, Consolato Generale di Gerusalemme e IIC di Tel Aviv. Realizzato con il sostegno di: Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Direzione Generale Sistema Paese e Direzione Generale per gli Italiani all'Estero e le Politiche Migratorie), Rai, Regione Emilia Romagna e IIC Tel Aviv. Ingresso gratuito. Prenotazione obbligatoria al tel. 03-5161361 o all'indirizzo email: iictelaviv@esteri.it

Tag: paolo olmi

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019