13 gennaio 2018 - Ravenna, Sport

Bunge, domani al Pala De André arrivano i milanesi della Revivre

Alle 18

Lasciato alle spalle un vero e proprio ‘ciclo terribile’, con le gare in trasferta di Piacenza e Sora (tra l’altro vinte entrambe) in mezzo ai match con le ‘big’ Perugia, Civitanova e Trento, inizia un nuovo capitolo del campionato della Bunge, che ha di fronte a sé una lunga serie di scontri diretti per qualificarsi ai playoff che caratterizzerà i prossimi due mesi. Si parte con la sfida di domani, con i ravennati che al Pala De André affrontano i milanesi della Revivre nella quinta giornata di ritorno della Superlega (inizio ore 18, arbitri Fabrizio Pasquali di Ascoli Piceno e Marco Zavater di Roma). Un avversario ambizioso, quello guidato dal tecnico Giani, che vuole ritagliarsi un ruolo di primo piano a ridosso delle cosiddette quattro “big” e che ha nell’opposto Nimir Abdel-Aziz il suo terminale offensivo più pericoloso, al punto che l’olandese occupa le posizioni di vertice nella classifica dei bombardieri della massima serie. “Il nostro obiettivo - inizia il tecnico Fabio Soli - è quello di tornare sui livelli del girone di andata, ma per fare ciò dobbiamo trovare una maggiore continuità di gioco. In SuperLega, infatti, appena si scende un attimo di rendimento si rischia di perdere con qualsiasi avversario. Milano è una grandissima squadra, con giocatori eccellenti, costruita utilizzando un budget elevato per puntare a occupare una posizione subito dietro alle 3-4 corazzate del torneo”.

Dopo la delicata trasferta di Padova del 21 gennaio e la pausa per la Final Four di Coppa Italia il calendario proporrà un febbraio caldissimo, con sei incontri nel giro di tre settimane: quattro le gare che verranno disputate a Ravenna (il 4 con Verona, l’11 con Latina, il 21 con Modena e il 25 con Monza), due quelle da giocare nel Sud dell’Italia (il 7 a Castellana Grotte, il 18 a Vibo Valentia). Infine, il 4 marzo è previsto il gran finale della regular season con la trasferta a Perugia contro la Sir Safety Conad. Prima di tutto, però, bisogna pensare alla Revivre, che occupa la settima posizione in coabitazione con Piacenza e la stessa Bunge. “Si tratta di una gara molto complessa, contro un avversario in salute e a pieno organico, ma non la considero una prova della verità. La vedo più come una occasione per migliorare, per continuare nel nostro processo di crescita e per esprimere un qualcosa di più rispetto a quello che abbiamo fatto nelle ultime partite. Nel gruppo vedo tanta volontà nel cercare di raggiungere questi obiettivi, ma per riuscirci è necessario recuperare quella serenità che abbiamo un po’ perso negli ultimi tempi. Più che guardare la classifica, dobbiamo concentrarci sulla nostra pallavolo e capire qual è la strada giusta per giocare al massimo delle nostre possibilità. Il primo obiettivo, quindi, è quello di tirar fuori tutta la nostra energia - termina Soli - per provare a conquistare il risultato migliore possibile”.

Gli avversari Nel corso dell’estate si è avverata una piccola rivoluzione in casa milanese. Cambiata la guida tecnica con l’arrivo di Giani, sono stati solo tre i confermati dalla scorsa stagione: Sbertoli in regia, ormai del tutto recuperato dopo un infortunio, Galassi al centro e Tondo opposto. Per il resto sono sbarcati alla Revivre il centrale azzurro Piano, lo schiacciatore, ex Cmc Ravenna, Cebulj, l’opposto Abdel-Aziz, il martello Schott, il centrale Averill e gli esperti palleggiatori Daldello e Perez Rivera, quest’ultimo arrivato a novembre. A completare la rosa ci sono le bande Klinkenberg e Preti e i liberi Fanuli e Piccinelli. “Le due sconfitte con Civitanova e Perugia ci hanno fatto capire che ci manca ancora uno step per arrivare a competere ai massimi livelli - dichiara Riccardo Sbertoli - ma allo stesso tempo abbiamo giocato due partite lunghe e combattute dove la concentrazione doveva sempre rimanere al top. Non sempre ci siamo riusciti ma lo abbiamo capito e nelle prossime due gare con Ravenna e Piacenza, fondamentali per noi, dovremo cercare di tenere sempre alta l’attenzione senza mai avere cali e le sfide con le prime due della classe ci sono servite anche per questo. Andiamo a Ravenna, squadra ostica che gioca molto bene e con ottimi giocatori in ogni reparto. Abbiamo un solo obiettivo che sono i tre punti, vogliamo concludere questo periodo stressante con un successo per poi affrontare Piacenza con la grinta giusta e arrivare alla pausa con delle vittorie pesanti”.

Tag: volley

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018