12 ottobre 2009 - Ravenna, Economia & Lavoro, Politica

"Difendere chi non ha un'adeguata formazione"

Per il vicesindaco Mingozzi crescono i laureati occupati ma anche i cinquantenni che rischiano il posto

Si è tenuto questa mattina all’Holiday Inn il congresso provinciale della Uil pensionati, al quale è intervenuto il vicesindaco Giannantonio Mingozzi: “Il massimo sforzo che il Comune sta producendo per affrontare le difficoltà della crisi in corso è proprio rivolto ad aumentare i servizi per la terza età, per i redditi più bassi, per dare una risposta adeguata agli anziani".

"Quest’ultima domanda è costantemente in aumento e rischia di sovraccaricare la spesa corrente del nostro Comune; per questo possiamo aumentare la spesa solo in presenza di una adeguata razionalizzazione dei servizi e riduzione dei costi”.

Mingozzi inoltre ha condiviso la richiesta dei pensionati della Uil, che negli ultimi quindici anni hanno visto il valore delle loro pensioni ridursi e che oggi chiedono sostegno al potere di acquisto attraverso la detassazione delle tredicesime delle pensioni; gli interventi del Comune, sia a sostegno dei redditi sia per predisporre nuovi servizi agli anziani soli che vivono in condizione di grande difficoltà, sono rivolti alla creazione dei reddito minimo mensile, sia alla predispozione di posti nelle Rsa.

Infine sulla formazione del personale Mingozzi ha detto: “Se oggi i laureati che frequentano i corsi ravennati trovano occupazione per circa l’80 per cento ad un anno dalla laurea, lo si deve anche al sempre maggiore interesse che il sistema delle imprese dimostra nei loro confronti; ma un appello va fatto all’economia ravennate affinché quella fascia di età, che comprende i quarantenni e cinquantenni del nostro sistema produttivo, non sia chiamata a subire le conseguenze della crisi in corso, solo perché non più giovane e ancora lontana dal limite pensionistico. Si tratta di difendere quanti sono a rischio di espulsione dal contesto lavorativo perché non possiedono una formazione alle nuove tecnologie oppure perché faticano ad inserirsi in nuovi contesti commerciali o di direzione aziendale”.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.