25 febbraio 2018 - Ravenna, Cronaca

Calo delle temperature: stop alla circolazione dei mezzi pesanti

Con massa superiore a 7,5 tonnellate. Pericolo gelicidio. Ordinanza della Prefettura, escluse alcune tipologie

Circolazione stradale, un'ordinanza della Prefettura. "A seguito dei recenti avvisi meteo dell’ARPAE e del Dipartimento di Protezione Civile che hanno preannunciato, a partire da domenica 25 febbraio, il brusco abbassamento delle temperature, è stato riunito presso il Palazzo del Governo il Comitato Operativo Viabilità, composto da tutte le Forze di Polizia e gli Enti proprietari delle strade, per monitorare la situazione e porre in atto le opportune misure precauzionali per attenuare i disagi alla circolazione stradale.

Il Prefetto, nel pomeriggio, ha adottato ordinanza di interdizione al traffico dei mezzi pesanti, disponendo il fermo della circolazione per il trasporto di cose aventi massa complessiva superiore a 7,5 tonnellate a partire dalle ore 22.00 del 25.02.2018 fino a cessate esigenze", è spiegato in una nota stampa.

"Il provvedimento è stato adottato in linea con analoghi provvedimenti delle Prefetture dell’Emilia-Romagna, in quanto la situazione metereologica riguarda l’intero territorio della regione.

Il provvedimento si è reso necessario per far fronte alla previsione del brusco calo delle temperature che unite a precipitazioni sono causa di situazioni di gelicidio.

Ovviamente dal divieto sono esclusi:

  • gli automezzi che trasportano derrate alimentari deperibili in regime ATP, altri prodotti deperibili (ad esempio frutta ed ortaggi freschi; carni e pesci freschi; fiori recisi; animali vivi destinati alla macellazione o provenienti dall’estero, nonché i sottoprodotti derivanti dalla macellazione degli stessi; pulcini destinati all’allevamento; latticini freschi; derivati del latte freschi; semi vitali);
  • se già autorizzati dalla Prefettura competente, gli automezzi che trasportano prodotti deperibili diversi dalle tipologie già elencate, nonché i trasporti di assoluta e comprovata necessità ed urgenza, compreso il trasporto legato alle lavorazioni a ciclo continuo e i trasporti di persone;
  • veicoli adibiti a pubblico servizio per interventi urgenti e di emergenza o che trasportano materiale e attrezzi occorrenti a tale fine e quelli utilizzati dagli enti proprietari o concessionari di strade per motivi urgenti di servizio".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.