2 marzo 2018 - Ravenna, Politica

Popolo della Famiglia, dal reddito di maternità al sostegno dell'economia domestica

L'intervento dei candidati

Il Popolo della Famiglia con una nota si rivolge agli elettori, partendo dalle mamme. "Col reddito di maternità sarete finalmente libere di essere mamme a tempo pieno (se lo desiderate) e di essere pagate dallo Stato per farlo perché non servite solo la vostra famiglia ma il paese intero, un preciso e doveroso riconoscimento del valore sociale ed universale del vostro ruolo. La mamma: il mestiere più bello e nobile del mondo". Per qunto riguarda le famiglie: "il Popolo della Famiglia contiene la missione nel nome stesso. Il Quoziente Familiare per sostenere l’economia domestica ed in questo modo far ripartire il Sistema Italia. Appello a chi crede nei valori: il Popolo della Famiglia è l’unico movimento che ha fatto della Dottrina Sociale della Chiesa, da millenni faro della nostra società, la fonte ispiratrice del proprio programma. Solo così avremo una società più solidale e che rispetta la dignità di ogni persona in qualsiasi condizione si trovi. Per tutto questo c’è un unico voto utile, il voto al Popolo della Famiglia".

Mirko De Carli Capolista proporzionale Camera, Stefano Gardini Uninominale Camera, Gian Paolo Babini Uninominale Senato, Carla Camerani proporzionale Camera, Jorick Bernardi proporzionale Senato, Elisa Visani proporzionale Camera, Elisabetta Saviotti proporzionale Senato

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.