5 marzo 2018 - Ravenna, Arte

Otto marzo, la donna e la sua arte al Museo Nazionale

Ecco i prossimi appuntamenti

Continuano gli appuntamenti culturali al Museo Nazionale di Ravenna.

Ecco le proposte dei prossimi giorni

 

INCONTRO CON L’AUTORE

Museo Nazionale | martedì 6 marzo, ore 17.30

Presentazione del volume di Monica Manfrini PITTRICI DELLA RIVOLUZIONE

 

Il libro indaga le vicende artistiche delle numerose allieve donne che Jacques-Louis David, maestro del neoclassicismo, ebbe nel suo atelier parigino, allestito all'interno del Louvre.

 

Spesso molto talentuose, queste pittrici aprirono a loro volta scuole di disegno e pittura, ma furono subito dimenticate dalla società del loro tempo a causa di pregiudizi di genere: le loro opere furono infatti acquisite dal Louvre, dal Metropolitan di New York e dall'Ermitage solo in quanto attribuite al maestro.

 

Le autrici ripercorrono le loro vite, mai fino a oggi riunite in un unico racconto, alternando le vicende private a quelle professionali nella Francia del passaggio dai Borboni a Napoleone, dalle lotte rivoluzionarie al periodo del Terrore, fino all'avvento del Romanticismo.

 

Ne parlano con l'autrice Monica Manfrini Giovanna degli Esposti, storica dell’arte ed Emanuela Fiori, Direttore Museo Nazionale di Ravenna

In collaborazione con Fidapa BPW Italy Sezione Ravenna e Librerie.coop Ravenna. Letture a cura del Teatro delle Albe

 

 

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA

8 marzo - in tutti i Luoghi della Cultura Mibact

 

Ingresso gratuito per tutte le donne nei Musei e Monumenti nazionali

 

Per il Polo Museale Emilia Romagna sede di Ravenna:

 

Basilica di Sant’Apollinare in Classe       8.30 - 19 (ultimo accesso)

Battistero degli Ariani                          8.30 - 16.15 (ultimo accesso)

Mausoleo di Teodorico                         8.30 - 16 (ultimo accesso)

Museo Nazionale di Ravenna                8.30 - 19 (ultimo accesso)

Palazzo di Teodorico                           8.30 - 13 (ultimo accesso)

 

STORIE D’ARTE AL MUSEO NAZIONALE

Museo Nazionale | giovedì 8 marzo, ore 17.30

Donne pittrici. Da Barbara Longhi a Artemisia Gentileschi”

 

In occasione della Festa della Donna, l’appuntamento di giovedì 8 marzo del ciclo “Storie d’Arte” sarà dedicato alle “Donne pittrici. Da Barbara Longhi a Artemisia Gentileschi”.

Conferenza a due voci con Alberta Fabbri (Conservatore del MAR – Museo d’Arte della Città di Ravenna) ed Emanuela Fiori (Direttore del Museo Nazionale di Ravenna)

 

I Servizi Educativi del Museo Nazionale di Ravenna - Polo Museale Emilia Romagna - propongono per l’anno scolastico 2017-2018 un ciclo di incontri, rivolti ai docenti delle scuole (primarie e secondarie).

Il secondo modulo di otto appuntamenti si terrà presso il Museo Nazionale di Ravenna in via S. Vitale dalle ore 17.30

 

 

SABATO MATTINA A PALAZZO - VISITE GUIDATE

ore 10.30 | sabato mattina

 

Ogni sabato mattina è in programma una visita guidata gratuita al cosiddetto Palazzo di Teodorico e ai suoi mosaici "nascosti".

 

L’appuntamento è alle ore 10.30 all’ingresso del sito - via Alberoni, angolo via di Roma (salvo avverse condizioni meteorologiche).

La visita, a cura del personale MiBACT Polo Museale dell'Emilia-Romagna, non necessita di prenotazione ed è compresa nel costo del biglietto (1 euro).

 

Il cosiddetto Palazzo di Teodorico, antichi resti della chiesa di VIII secolo, ospita al suo interno mosaici pavimentali di grande varietà cronologica e figurativa, testimoni delle varie fasi d’uso della zona palaziale di Ravenna.

 

 

MOSTRA DOSSIER “È GRADITA UNA FIRMA”

Museo Nazionale | fino al 31 maggio

 

È gradita una firma | I registri dei visitatori del Museo Nazionale di Ravenna (1889 - 1913)
Spesso i visitatori si chiedono perché all'ingresso dei musei si incontrano grandi quaderni predisposti ad accogliere le firme. Sono semplici registri a scopo statistico? In effetti, tecnicamente, sono documenti destinati per lo più agli addetti ai lavori ma, se letti con pazienza, possono raccontare storie di grande interesse, destinate a un pubblico assai più folto, ancora di più quando le pagine ingiallite ci aiutano a svelare episodi e piccole storie accadute più di un secolo fa. 

La nuova mostra dossier, a cura di Emanuela Fiori e Paola Novara, espone, insieme ad oggetti e dipinti, una selezione di quattro dei sette registri relativi al periodo 1889 - 1913, ovvero i primi venticinque anni di vita del museo, dalla sua apertura al piano terreno del monastero di Classe in Città (Biblioteca Classense) grazie alla tenacia dello scultore Enrico Pazzi, fino al trasferimento presso l’abbazia di San Vitale in cui è ancora allestito.

Curiosando tra le pagine dei registri del museo ravennate ci imbattiamo in visitatori provenienti da tutti i Paesi del mondo. Scopriamo infatti che molti arrivavano dall'Europa, ma anche dagli Stati Uniti, dal Canada e dalla Cina, affrontando distanze considerevoli e viaggi non era sempre agevoli, per conoscere, oltre ai capolavori musivi delle basiliche ravennati, la piccola raccolta di tesori del "Regio Museo di Ravenna".

 

Adiacenti alla sala della mostra sono state riallestite e riaperte al pubblico la saletta dei pozzi stratigrafici e la saletta dedicata ai reperti decorativi provenienti dalla  scomparsa chiesa di Santa Croce.

 

Per ulteriori informazioni consultate la pagina facebook: Museo Nazionale di Ravenna e Siti Unesco

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.