8 marzo 2018 - Ravenna, Cronaca

In pensione il brigadiere capo Claudio Spina, ha partecipato alle inchieste più delicate degli ultimi anni

Molte delle quali sono state da lui co-dirette

Il 31 gennaio 2018 è andato in pensione il brigadiere capo Claudio Spina, sottufficiale noto in città per aver partecipato e co-diretto con i suoi colleghi, negli anni 2000, le inchieste più scottanti. L'indagine "mais" (2002 - 2004) che pose fine all'incredibile zona rossa dello spaccio a Ravenna: l'ex Callegari. L'inchiesta permise l'arresto di 37 individui colpiti da ordinanza di custodia cautelare. Un duro colpo al  traffico internazionale di cocaina che vedeva Ravenna come centro di smistamento regionale. L'omicidio  di Maria Antolino nel 2002, con l'arresto dell'autrice Ilona Tomasik dopo solo 2 giorni di indagini serrate e capacità investigativa.
Il brigadiere Spina ha prestato servizio nel suo lungo peregrinare:
- dal 18.3.81 al 19.9.81 presso la scuola allievi CC. Campobasso;
- dal 1.10.81 legione Padova;
- dall'11.11.81 al 31.7.82 presso la  Scuola Nautica della Guardia di Finanza di   Gaeta;
- dal 1.10.82  al 31.10.86 presso la  legione CC di Livorno;
- dal 1.11.86 all’1.11.89 presso la Legione CC. di Messina;
- dal 1989  al 1990   presso la Stazione CC. di Porto Garibaldi;
- dal ‘90 al ‘96  presso il  Comando Provinciale CC. di  Bologna  - reparto operativo, nucleo operativo;
- dal ‘96 al ‘98 presso la  Stazione CC. di Fusignano;
- dal ‘99 al 2014  presso il nucleo operativo CC. di  Ravenna;
- Dal 31.1 2018 pensionamento presso la  Stazione CC. di  San Lorenzo di Lugo con incarico di preposto presso il Lido del Carabiniere...

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018