17 marzo 2018 - Ravenna, Cronaca

Ravenna, dopo la Notte d'Oro arriva la Notte di Primavera: appuntamento il 21 aprile

Filo conduttore il tema della fotografia

La Notte d’Oro raddoppia e diventa Notte d’Oro Primavera: come già annunciato, in attesa del consueto appuntamento di ottobre, la città resterà “accesa” tutta la notte anche il 21 aprile. Turisti e cittadini potranno fare la spola tra i luoghi più suggestivi, per ammirare mostre, seguire proiezioni e incontri: filo conduttore il tema della fotografia. In questi giorni si stanno mettendo a punto gli ultimi dettagli del programma, già definito nelle sue linee principali.

 

“Abbiamo pensato a questo ulteriore appuntamento con la Notte d’Oro – dichiara l’assessore al Turismo Giacomo Costantini - perché siamo convinti che possa rendere ancora più vivace e attrattiva la città, offrire nuove opportunità agli operatori del centro storico e generare tanta creatività. La data, alla luce del felice connubio tra la scorsa Notte d’Oro e la Biennale del Mosaico, è stata scelta guardando alla mostra di Alex Majoli al Mar e anche al ponte del 25 aprile. E’ ovvio che il principale attrattore della città sia rappresentato dagli otto monumenti Unesco e dagli altri preziosi siti culturali di Ravenna, ma organizzare eventi e iniziative di questo tipo può senz’altro dare una motivazione in più a chi decide di passare un fine settimana in una città d’arte”.

 

Alle 22.45 piazza del Popolo ospiterà il concerto gratuito di Lodovica Comello e Giovanni Caccamo, preceduto, dalle 18, da un dj set e dalla proiezione dei videoclip Il Pescatore (Fabrizio De Andrè) e Mastro Geppetto (Edoardo Bennato).

Il Museo d’arte della città proporrà alle 18 una conversazione sulla fotografia con Claudio Vitale e Marco Giugliarelli; fino alle 22 la mostra Andante di Alex Majoli; in programma anche un concerto degli allievi dell’istituto Verdi.

Alla biblioteca Classense alle 19 sarà inaugurata la mostra Footage di Leonardo Goni; nello scalone dell’aula magna ci sarà un set fotografico a cura di Gabriele Pezzi.

Sempre alla Classense (Manichetta della Manica Lunga) in collaborazione con SiFest - Savignano Immagini Festival la Notte d’Oro Primavera ospiterà la mostra Terra e uomini. Tra memoria e sentimento di Pier Paolo Zani. L’inaugurazione è in programma alle 19; la mostra resterà aperta fino al 29 aprile. Inoltre, in collaborazione con SiFest saranno installate a Palazzo Rasponi dalle Teste e nel chiostro di ingresso della biblioteca Classense due cabine interattive Spring Snapshot per foto istantanee da Ravenna (dal 21 aprile al 7 maggio). Il pubblico sarà invitato a lasciare una delle due copie di foto rilasciate dal sistema su una parete che man mano si riempirà sempre più di fotografie, fino a diventare una vera e propria installazione.

Nella sala multimediale dei Chiostri Francescani dalle 19.30 alle 23 sarà proiettato il cortometraggio Intercity, regia di Silvia Bigi, dedicato all’opera di Raffaello Baldini.

Palazzo Rasponi 2 ospiterà la mostra fotografica Dei Paesi di Pio De Rose.

A Palazzo Rasponi dalle Teste la Notte d’Oro Primavera comincerà alle 20, con la premiazione dei vincitori della maratona fotografica #arRAngiati. E dalle 21.30 il circolo del cinema Sogni proporrà nel salone nobile la proiezione del documentario Acqua e Zucchero. Carlo di Palma I colori della vita, accompagnata da un intervento del direttore della fotografia Roberto Cimatti.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.