22 aprile 2018 - Faenza, Cronaca

Nell'appartamento cocaina purissima: 30enne arrestata

E' il più importante sequestro di "bianca" degli ultimi anni a Faenza

Una donna arrestata, il suo complice in fuga e quasi 750 grammi di cocaina purissima trovata nel “covo” degli spacciatori. E’ il bilancio, spiega l’Arma in una nota, dell’ultima operazione dei Carabinieri della Compagnia manfreda che hanno eseguito il più grosso sequestro di “bianca” degli ultimi anni nel Faentino.

E’ finita con il classico blitz, in due abitazioni del centro, l’ultima indagine antidroga dei Carabinieri di Faenza, che hanno smantellato uno dei canali di rifornimento della cocaina più attivi della città. la “centrale” dello spaccio è stata individuata in un condominio, dove i militari dell’Arma sono rimasti appostati per giorni per verificare la notizia di un gran viavai di persone che entravano ed uscivano da uno degli appartamenti, soprattutto di notte. nel corso dell'indagine, i Carabinieri hanno focalizzato l'attenzione su una coppia di stranieri che certamente abitava nel condominio, anche se entrambi non risultavano residenti in zona. inoltre i militari dell'arma avevano notato molti tossicodipendenti noti che spesso si vedevano nei pressi del caseggiato. 

Dopo aver raccolto un sufficiente numero di indizi grazie agli appostamenti e all'attività di "intelligence" dei Carabinieri, il capitano Cristiano Marella, comandante della Compagnia di Faenza, insieme a tre carabinieri del Nucleo Radiomobile, nell'occasione impiegati "in borghese" per passare inosservati, hanno deciso di passare all'azione.

Il blitz è scattato  lunedì notte, quando i militari dell'Arma durante l'appostamento hanno riconosciuto l'ennesimo consumatore di cocaina citofonare al condominio di via Dal Pozzo e poi uscire dopo pochi minuti. La medesima scena si è ripetuta con la stessa persona alcune ore dopo, pertanto dopo aver annotato la targa dell'auto in uso al "visitatore", il capitano Marella ha dato ordine ad una delle "Gazzelle" di pattuglia per la città, di intercettare quell'auto per poi procedere ad un controllo. Quando i Carabinieri hanno trovato addosso al conducente una dose di cocaina, hanno acquisito la "prova" che confermava tutti i loro sospetti ed a quel punto, nel cuore della notte, hanno deciso di fare irruzione nell'appartamento di via Dal Pozzo che poteva essere il covo della coppia di spacciatori.

In casa i militari hanno trovato una donna 30enne originaria dell'Albania, che messa alle strette ha consegnato otto dosi di cocaina già pronte per la vendita, del peso complessivo di circa 10 grammi. La droga si trovava a portata di mano dentro un barattolo sul tavolo della cucina e la 30enne, dopo averla consegnata, ha ripetuto più a volte ai Carabinieri di non averne altra in casa, forse auspicando che la questione finisse lì.

I militari dell’Arma, però, non le hanno creduto e hanno perquisito accuratamente tutta la casa, recuperando altri 44 grammi di cocaina insieme a due bilancini e materiale per il confezionamento, tra cui una macchina per il sottovuoto. nello stesso cassetto, sono stati trovati quasi mille euro in contanti nonché alcuni appunti ritenuti la "contabilità" dell'attività di spaccio.

I Carabinieri hanno trovato vicino la cocaina anche la carta d'identità di un suo connazionale corrispondente all'uomo che secondo i militari dell'Arma viveva in quell'abitazione insieme a lei. La 30enne, ha negato tutto raccontando ai Carabinieri che quel documento era stato dimenticato da un uomo con il quale aveva avuto un incontro occasionale, ma naturalmente nessuno le ha creduto poiché il titolare di quel documento, durante gli appostamenti, era stato visto pernottare stabilmente in quella casa insieme a lei.

La vicenda, però, ha avuto un seguito inaspettato. infatti, quando la donna è stata portata in caserma, ha tentato maldestramente di disfarsi di un mazzo di chiavi e non ne ha voluto sapere di riferire ai carabinieri il motivo di quel gesto. a quel punto, dopo aver accertato che sui documenti della donna risultava un indirizzo diverso da via Dal Pozzo. I militari dell’Arma hanno deciso di raggiungere quell’abitazione per “provare” le chiavi appena rinvenute, nonostante la 30enne avesse spergiurato di non abitare più da parecchi anni presso quel recapito. L’intuizione dei Carabinieri si è rivelata esatta, infatti con quelle chiavi hanno aperto proprio l’appartamento di Corso Mazzini indicato sul documento della donna, dove nascosti in una cassettiera hanno trovato due grossi involucri di cocaina pressata e sottovuoto, del peso di quasi settecento grammi, che sommata all'altra droga recuperata in via dal pozzo ha portato a un totale di circa 750 grammi di cocaina sequestrata, per un valore sulla “piazza” dello spaccio di circa 100mila euro. Senza dubbio, commentano i Carabinieri, si tratta del piu’ grosso sequestro di “bianca” degli ultimi anni a Faenza.

La 30enne da quel momento in poi si è chiusa nel silenzio e per lei sono scattate le manette con l’accusa di “spaccio e detenzione illecite di sostanze stupefacenti in concorso”. Il Pm che ha seguito l'indagine, Marilù Gattelli, ha disposto di accompagnarla nel carcere femminile di Forlì, misura poi confermata anche dal Gip Andrea Galanti, che ha convalidato l’arresto. I Carabinieri sono ora sulle tracce dell'uomo di cui è stata trovata la carta d'identità.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.