15 maggio 2018 - Ravenna, Cronaca

Arriva anche a Ravenna l’App della Polizia per denunciare bullismo e spaccio

Ecco come funziona YouPol

E’ stata presentata quest’oggi, presso la sala stampa della Questura di Ravenna, YouPol la nuova applicazione per smartphone creata dalla Polizia di Stato, pensata per la segnalazione di episodi di bullismo e spaccio di sostanze stupefacenti, anche in via anonima. Già attiva nelle città di Roma, Milano e Catania dal novembre scorso, ha ora esteso il suo raggio d’azione in molte altre città della Penisola.

“L’app - spiega la Polizia - ha lo scopo di permettere a tutti, giovani e adulti, di interagire con noi, consentendo l’invio di segnalazioni di episodi di bullismo o di spaccio di sostanze stupefacenti.

Come descritto nel video di presentazione, con l’app si potranno denunciare fatti di cui si è testimoni diretti (anche mediante foto o immagini acquisite sul proprio dispositivo) ovvero notizie di cui si è appreso in forma immediata (link, pagine web, ricezione messaggi, informazioni orali etc.).

L’applicativo è scaricabile su tutti gli smartphone e tablet che utilizzano Android e Ios, e consente di interagire con la polizia inviando immagini o segnalazioni scritte direttamente alle sale operative delle questure, anche se il segnalante si trova in una provincia diversa.

L’utente avrà anche la possibilità di effettuare una chiamata di emergenza alla sala operativa della provincia nella quale si trova, utilizzando un pulsante ben visibile di colore rosso”.

Immagini e testo vengono trasmessi all'ufficio di Polizia e sono geolocalizzati consentendo di conoscere in tempo reale il luogo degli eventi.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.