18 maggio 2018 - Ravenna, Eventi

Tornano i Vespri a San Vitale, “Un raffinato connubio di musica e bellezza architettonica”

Per il Ravenna Festival

Per il terzo anno consecutivo si rinnova l’esperienza dei Vespri a San Vitale. Ravenna Festival celebra anche quest’anno, infatti, dall’ 1 giugno al 5 luglio (sempre alle 19) un patrimonio d’arte, musica e fede unico al mondo, grazie alla collaborazione con l’Opera di Religione dell’Arcidiocesi di Ravenna-Cervia. La presentazione del programma 2018 si è svolta stamane nel Palazzo Arcivescovile di Ravenna. Sono intervenuti: S.E. Mons. Lorenzo Ghizzoni Arcivescovo di Ravenna–Cervia, Elsa Signorino Assessora alla Cultura Comune di Ravenna, Antonio De Rosa Sovrintendente e Angelo Nicastro Co-direttore artistico Ravenna Festival.
La più amata delle basiliche bizantine - uno degli otto monumenti di Ravenna riconosciuti patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO - accoglierà ogni giorno concerti di musica sacra, con nuove produzioni, proposte selezionate attraverso un bando internazionale e collaborazioni con realtà e artisti del territorio: un’inestimabile esperienza di bellezza, che anche nel 2018 il Festival offre al visitatore per il simbolico biglietto da 1 euro.

Il Festival, che del legame con lo straordinario patrimonio della città ha fatto la chiave di volta della propria identità, propone per il terzo anno consecutivo l’omaggio alla bellezza e alla storia custodite fra le mura di San Vitale. Per comporre il ricco programma di concerti quotidiani alle 19, non solo si è rinnovato il bando omonimo - raccogliendo oltre 60 proposte da tutta Italia, nonché da Germania, Francia, Spagna, Svizzera, Stati Uniti - ma sono stati costruiti ponti ideali con il programma di questa XXIX edizione e le suggestioni che lo percorrono.
 

Il programma in breve

Apre la rassegna Hermann (1 giugno, 3-6 giugno), sacra rappresentazione per controtenore, tre viole da gamba bassa, cornetto e voce recitante, commissionata al compositore Paolo Baioni e ispirata alla singolare vita del monaco Ermanno il Contratto. Segue il concerto al fortepiano di Tullia Melandri - Riscoprire il suono di Schumann (2 giugno) - il primo dei due appuntamenti in programma al Refettorio del Museo Nazionale. Si torna a San Vitale con Sacri ottoni (7-10 giugno), il programma proposto dai Romagna Brass e dedicato a Giovanni Gabrieli, massimo esponente della Scuola Veneziana del XVI secolo. Dall’Olanda il Duo Serenissima - soprano e liuto - con La diva reclusa (11-15 giugno), per riscoprire la vita (e la musica) di due religiose seicentesche estremamente colte e creative; gli stessi artisti saranno anche al Refettorio per un omaggio a Giulio Caccini nel IV centenario della morte (17 giugno). Il Coro dell’Associazione Consorti Dipendenti del Ministero degli Affari Esteri presenterà lo Stabat Mater di Girolamo Abos, una suggestiva pagina del Settecento napoletano (16 giugno); mentre David Brutti e Nicola Lamon, rispettivamente cornetto e organo, si addentreranno nel Seicento stravagante, con un percorso geografico e storico nella poetica della meraviglia (18-20 giugno). Un salto nella seconda metà dell’Ottocento, in compagnia del duo mezzosoprano e organo La DiStileria con Omaggio a Rheinberger, oggi sconosciuto ai più ma musicista dal profilo ricco e articolato (21 e 22 giugno). Ancora un duo per Dialoghi bachiani, pagine celebri e diverse di Bach, ripensate e reinterpretate per violino e violoncello (23 e 27 giugno). Una realtà centrale nella crescita culturale e musicale della città, il Coro dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Giuseppe Verdi” presenterà Liszt e Pärt, sacre consonanze (24-26 giugno), mentre l’Ensemble La Dafne guiderà il pubblico a Candia, crocevia di culture, la capitale di Creta che fu punto d’incontro fra culture musicale tra XVI e XVII secolo (28-30 giugno). Conclude il viaggio Piero Bonaguri con un ricchissimo omaggio alla musica sacra per chitarra classica, Il repertorio sacro: dal Medioevo a oggi (1-5 luglio).

Info e programma dettagliato: clicca qui

IN TEMPLO DOMINI 2018: Un percorso di musica e fede in cinque liturgie nelle Basiliche della città
San Vitale, superba d’oro e mosaici, e l’austera semplicità di Sant’Agata; l’imponenza ieratica di Sant’Apollinare in Classe e il solenne barocco della Basilica Metropolitana. A unirle, il fil rouge delle liturgie domenicali, un percorso dove musica e fede si incontrano per visitare, domenica dopo domenica, le chiese ravennati. In Templo Domini è ormai un appuntamento consolidato e apprezzato di Ravenna Festival, che ogni estate coniuga lo splendore delle basiliche - custodi della storia, dell’arte, della spiritualità di Ravenna - a programmi musicali che illuminano la storia della devozione dei popoli europei, restituendo al culto la solennità e magnificenza dei grandi capolavori composti per la liturgia cattolica nel corso dei secoli, grazie a interpreti di rilievo internazionale. Quest’anno firmano le pagine musicali due autori del XV secolo, Guillaume Dufay e Johannes Ockeghem, ma anche i seicenteschi Claudio Monteverdi e Aurelio Signoretti; previsto, infine, un omaggio a Domenico Bartolucci a cinque anni dalla scomparsa. Quanto agli interpreti, l’ensemble Voces Suaves arriva dalla Svizzera, mentre sono di Anversa, Belgio, i Graindelavoix; dall’Estonia, ritorna al Festival l’ensemble Heinavanker, per concludere con le voci italiane dei ravennati Ludus Vocalis e della Cappella Musicale della Cattedrale di Reggio Emilia.

 

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.