4 giugno 2018 - Ravenna, Eventi, Ravenna Festival

Ravenna Festival, alla Classense il pensiero e l’attualità di Martin Luther King

Martedì 5 giugno

Cosa rimane oggi del sogno di Martin Luther King, di quel potente appello per una società equa, a distanza di cinquant’anni dal suo assassinio a Memphis? A questa domanda - che è anche un interrogativo sulla memoria collettiva e sull’infrangersi delle lunghe onde del sogno sugli scogli della storia - Ravenna Festival, nell’anno in cui celebra il ricordo del Reverendo King con il titolo We Have a Dream, risponde con l’incontro in programma martedì 5 giugno, alle ore 18 presso la Biblioteca Classense. Nell’elegante Chiostro, il professor Paolo Naso - docente di Storia politica e coordinatore del master in religione e mediazione culturale alla Sapienza - affronterà il pensiero di King, quei principi e quelle speranze che ne accompagnarono le battaglie nonviolente per il superamento della segregazione razziale. Il sogno e la storia. Il pensiero e l’attualità di Martin Luther King è un appuntamento realizzato in collaborazione con l’Associazione Romagna-Camaldoli; incrocia (e inaugura) l’itinerario di incontri ed eventi Via Sancti Romualdi. L’incontro con il professor Naso offrirà anche l’occasione - alle 17 - per svelare al pubblico i mosaici realizzati degli studenti del Liceo Artistico Nervi-Severini, nell’ambito di una collaborazione con Ravenna Festival che si è rinnovata anche quest’anno. Fonte d’ispirazione il volto-icona di Martin Luther King; le sette opere rimarranno esposte nel primo chiostro della Biblioteca fino al 22 luglio, accompagnando così l’intera durata del Festival. Entrambi gli appuntamenti sono a ingresso libero.

I have a dream, ho un sogno, ripete Martin Luther King; è il 28 agosto del 1963, sono 300 mila le persone raccolte davanti al Lincoln Memorial di Washington al termine della celeberrima marcia “per il lavoro e la libertà”. King ha 34 anni e il discorso che sta pronunciando sarà scolpito nella memoria e nella storia non solo della popolazione di colore in America, ma di tutti coloro che anelano alla libertà, alla giustizia, all’eguaglianza. Cinque anni più tardi, il 4 aprile, King muore assassinato da un suprematista bianco; non sono i premi o gli onori ricevuti che vengono menzionati al funerale, ma la natura del suo operato: il desiderio - profondo, infaticabile, coraggioso - di “amare e servire l’umanità”, nella lotta alla povertà, al razzismo, alla guerra.

Ravenna Festival, che negli ultimi anni ha affrontato eventi e personaggi cruciali del XX secolo (dalla Grande Guerra a Nelson Mandela, alla Rivoluzione Russa), non poteva non rendere tributo alla straordinaria voce di Martin Luther King. Se il titolo We Have a Dream offre l’opportunità per sviluppare una varietà di temi che si intrecciano al ricco programma di questa XXIX edizione, appuntamenti come quello di martedì 5 giugno sono l’occasione di approfondire il lascito di uomini che ancora oggirappresentano dei punti di riferimento del nostro orizzonte morale, per non dimenticare errori e orrori passati, né la forza del sogno condiviso. Da un lato sarà il Professor Naso - che oltre alla cattedra all’Università La Sapienza di Roma vanta un’esperienza americana come visiting professor e consulenze prestigiose, come quelle per il Ministero dell’Interno e per il MIUR - a riflettere sulla figura e l’opera di King, dall’altro sono stati gli studenti della classe IV E del Liceo Artistico Nervi-Severini a misurarsi con il celebre volto del Reverendo.

Guidati dal maestro Giuliano Babini - artista di rilievo internazionale nel mosaico contemporaneo - e dalla professoressa Patrizia Cingolani, i ragazzi si sono impegnati nella ricerca di materiali e tecniche innovativi: con un istinto un po’ pop e un po’ nouveau réaliste, il “loro” King è di smalto e vetri, di marmo e alluminio, ma anche di componenti meccaniche e materiali di ferramenta. Una scelta che intende riflettere il desiderio e la forza di cambiamento di cui King si è fatto portatore.  L’esposizione Pop Art for the M. L. Kingsarà inaugurata alle 17 con letture di altre due studentesse, Alice Borghetti e Melissa Pisu, e sarà accessibile negli orari di apertura della Biblioteca Classense, nonché in occasione dei concerti di RavennaFestival nella stessa, fino al 22 luglio. 

King verde è di Alessandra Martelli e Celeste Lolli; King blu di Margherita Gamberini e Leila Sadik; King arancione di Valentina Sassi e Mai Scampa; King marrone di Rolando Ferro, Alessandro Pagliarani e Matteo Bazzocchi: King black & white di Andrea Zanon e Andrea Zavatta; King chains di Camilla Carroli e Anna Viola Castellari; King bolts di Gabriele Montalti.

 

 

 

 

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.