12 giugno 2018 - Ravenna, Cronaca

Porto, le t-shirt sequestrate finiscono alla Croce Rossa

Riportavano indicazioni ingannevoli circa la provenienza. IL VIDEO

Oltre 16.000 T-shirt di cotone, sequestrate nel 2017 presso il porto di Ravenna a seguito di un’operazione congiunta a tutela del “Made in Italy” condotta dalla Guardia di Finanza e dal locale Ufficio delle Dogane, sono state donate, su autorizzazione della Camera di Commercio, al Comitato Provinciale della Croce Rossa Italiana.

 

Era il mese di luglio del 2017 quando le Fiamme Gialle ed i Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, costantemente impegnati nel garantire un efficace contrasto ai traffici illeciti e ad ogni forma di abusivismo commerciale che transiti attraverso il porto di Ravenna, sottoposero a sequestro un ingente carico di magliette proveniente dal Bangladesh e diretto verso il Libano.

 

Le T-shirt di fabbricazione bengalese, infatti, riportavano ingannevoli indicazioni circa la loro reale provenienza: su tutti i capi era apposta una fallace etichetta con la dicitura “ORIGINAL PRODUCT STYLED IN ITALY”, capace di indurre i consumatori a ritenere che la merce, in realtà prodotta in Bangladesh, fosse di autentica manifattura italiana. Per questa ragione il carico fu sottoposto a sequestro e l’importatore segnalato alla Camera di Commercio per aver violato la normativa a tutela del vero “Made in Italy”.

 

A distanza di meno di un anno il procedimento amministrativo si è definito con la confisca delle magliette, che sono state acquisite al patrimonio dello Stato ed ora, dopo essere state private delle etichette ingannevoli, definitivamente devolute alla Croce Rossa Italiana di Ravenna, che le destinerà a scopi assistenziali in favore dei più bisognosi.

 

QUI IL VIDEO DELLA CONSEGNA: https://youtu.be/HTqkeGd0APk

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.