28 giugno 2018 - Ravenna, Cronaca

Un “laboratorio aperto” per progetti innovativi al Mar e al Classis, il bando

Sarà uno spazio di progettazione e divulgazione digitale

E’ in pubblicazione il bando per individuare il soggetto gestore del Laboratorio Aperto di Ravenna, uno spazio di progettazione e divulgazione digitale, collocato all’interno del Mar - Museo d’Arte della città di Ravenna e del nuovo Museo Classis a Classe, per lo sviluppo di progetti innovativi destinati alla fruizione turistica del territorio.

“In particolare il progetto del Comune, finanziato con 540mila euro per tre anni dal Por Fesr 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna – spiega il Comune -, riguarda la fruizione turistica dei beni culturali e del territorio ed è inserito in una rete regionale che vede tutte le città capoluogo concentrate su diverse tematiche. Il Laboratorio Aperto è inteso come nuova forma di aggregazione e di processi partecipati”. “Questo progetto - afferma l’assessore a Turismo e smart city, Giacomo Costantini - sarà fondamentale per sperimentare e sviluppare servizi e tecnologie con l’obiettivo di migliorare la fruizione del patrimonio artistico e monumentale della città sui quali la nostra amministrazione sta continuando ad investire, aumentando l’esperienza di visita di turisti e cittadini che sempre di più devono essere coinvolti nei processi di co-creazione dei contenuti che non siano finalizzati solo all’apprendimento, ma alla crescita personale. Un obiettivo molto sfidante per la nostra città che guarda ai migliori esempi internazionali”.

“Quindi il Laboratorio Aperto - continua il Comune - sperimenterà e potrà utilizzare percorsi di innovazione e partecipazione attraverso, ad esempio, App, video, modelli 3D, digitalizzazione e didattica smart che coinvolgano la cittadinanza e i visitatori. Il soggetto gestore dovrà anche realizzare attività di formazione ed educazione alla digitalizzazione per pubblici diversi; promuovere la cultura digitale anche verso fasce sociali marginali o emergenti per superare il divario digitale; organizzare eventi destinati alla costruzione di servizi o di applicazioni.

Il Laboratorio Aperto avrà il compito di interpretare il patrimonio come fattore di crescita economica, tecnologica e di inclusione sociale, grazie alle attività che vi saranno realizzate; potrà essere motore di industrie creative culturali; potrà possedere capacità di innovazione sociale, culturale e di dialogo interculturale, grazie al piano delle attività e agli scambi che avranno luogo nei suoi spazi”.

Fino al 27 luglio 2018 le offerte potranno essere presentate seguendo le indicazioni disponibili al sito: http://bit.ly/2yLDTbo

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.