9 luglio 2018 - Ravenna, Ravenna Festival

Ravenna Festival, Peppe Servillo e cinque jazzisti per l’omaggio a Lucio Battisti

Lunedì 9 luglio al teatro Diego Fabbri di Forlì

L’hanno fatto con Modugno e l’hanno fatto con Celentano, l’anno scorso erano sempre a Forlì con tutte le donne di Faber; questa volta l’appassionato ripasso generazionale della musica italiana sceglie Lucio Battisti, le cui melodie indimenticabili hanno segnato tante stagioni degli italiani. Lunedì 9 luglio, alle 21 al Teatro Diego Fabbri di Forlì, l’omaggio Pensieri e parole si avvale tanto del brillante ed eclettico frontman Peppe Servillo quanto del contributo virtuoso di cinque fra i migliori jazzisti in attività: sax e arrangiamenti (sapienti e coraggiosi al tempo stesso) di Javier Girotto, Fabrizio Bosso alla tromba, Furio Di Castri al contrabbasso, Alessandro Gwis e Mattia Barbieri rispettivamente al pianoforte e alla batteria. Il risultato è un mosaico sonoro in venti canzoni, da Il mio canto libero a E penso a te, per un percorso al crocevia fra improvvisazione jazz e mondo della canzone, con certi ritmi avvolgenti dal sapore latino, ma soprattutto l’emozione della grande musica.

Il legame fra le città di Ravenna e Forlì reso possibile grazie alla collaborazione con l’Amministrazione Comunale e dal determinante sostegno della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e Cariromagna - si rinnova anche per l’edizione 2018 di Ravenna Festival, a partire dall’appuntamento con il più intimo, lirico e personale dei cantautori italiani: ricorre proprio quest’anno il ventennale della scomparsa di Lucio, che era “popolare e sofisticato, italiano e solitario, costruttore e inventore di una canzone che resta intimamente patrimonio di tutti - sottolinea Servillo - cantare nuovamente le sue canzoni significa rileggere una nostra storia minore e quotidiana che tanto ci suggerisce e commuove”.

Contro il rischio di museificare certi grandi autori e il desiderio invece di riproporli, non solo per nostalgia e passatismo ma sfidandone tutte le sfumature musicali e testuali - spiega Ravenna Festival in una nota - il supergruppo si mette al servizio di questo straordinario autore. E, nel farlo, abbatte i confini che generalmente separano il mondo della canzone da quello del jazz e dell’improvvisazione. Le parole? Molto Mogol dei tempi d’oro, ma anche un po’ di Panella e della svolta intellettuale più enigmatica di Lucio. Immergersi nell’universo poetico di Battisti è probabilmente l’impresa più difficile che il gruppo abbia affrontato finora, in considerazione dall’assoluta originalità delle sue canzoni, così diverse tra di loro per musica e testi. Ma ad accettare la sfida sono sei fuoriclasse della musica, uniti in un sodalizio artistico da più di dieci anni; gli arrangiamenti di Girotto, combinandosi al genio teatrale di Servillo, possiedono un’espressività carica di sentimento e passione, di quel “pathos” che secondo Servillo è parte della musica di Battisti. Il tutto arricchito da un tocco latino - d’altronde proprio Anima latina è stato uno dei dischi più sperimentali del cantautore.

Peppe Servillo ha debuttato nella musica con gli Avion Travel nel 1980: con il gruppo, in trent’anni di lavoro, ha pubblicato numerosi album e vinto il premio della critica e della giuria al Festival di Sanremo; Servillo compare però anche come attore in svariati film, presentati al Festival di Venezia, e a teatro con il fratello Toni per Le voci di dentro di De Filippo - interpretazione per la quale vince il premio Ubu.
Javier Girotto nasce in Argentina, a Cordoba, dove compie le prime esperienze con le realtà musicali locali; a Boston invece, al prestigioso Berklee College of Music, avviene l’incontro con il jazz. Segue la formazione con i maestri Joseph Viola, George Garzone, Hall Crook; poi l’Italia e tanti progetti al sax sia come leader che come sideman.
Alessandro Gwis è membro del gruppo Aires Tango sin dalla fondazione e ha composto ed eseguito musica per il cinema, la televisione e la danza, collaborando anche con diversi cantanti di musica leggera ed esibendosi in numerosi concerti all’estero.
Fabrizio Bosso aveva 5 anni quando ha cominciato a suonare la tromba e da allora non si è più fermato: ha collaborato con artisti di spicco, suonato sul palcoscenico di Sanremo, inciso dischi per la Warner Music e partecipato a festival prestigiosi in Italia e all’estero, guadagnando per altro una grande popolarità in Giappone.
Il contrabbassista Furio di Castri ha collaborato anche con Chet Baker, Enrico Rava, Richard Galliano, Paolo Fresu, suonando in tutto il mondo e registrando più di 200 dischi, di cui venti come leader; dirige il Dipartimento di Jazz del Conservatorio di Torino ed è stato direttore del Torino Jazz Fringe Festival.  
Mattia Barbieri, alla batteria, ha studiato a Torino e a Boston, suonato con Richard Galliano nel progetto su Nino Rota e collabora con il “supergruppo” dal 2011.  

Info e prevendite: 0544 249244 – www.ravennafestival.org
Biglietti (posto non numerato): platea 25 euro (ridotto 22), galleria 18 euro (ridotto 15).
‘I giovani al festival’: fino a 14 anni, 5 euro; da 14 a 18 anni e universitari, 50% tariffe ridotte.

Dopo l’appuntamento con la canzone d’autore italiana, quello con la song: Ravenna Festival sarà infatti nuovamente a Forlì il lunedì seguente - 16 luglio, alle 21 al Teatro Fabbri - con la raffinatissima voce di Ute Lemper, capace di viaggiare andata e ritorno dall’intrattenimento seducente di Hollywood e Broadway fino alla protesta, all’insofferenza e all’impegno politico. Per Glamour and Rage in America la cantante tedesca si farà interprete delle contraddizioni del sogno americano su note e versi di Cole Porter, Tom Waits, Bob Dylan, Charles Bukowski, Philip Glass.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.