11 luglio 2018 - Ravenna, Eventi

Musica, dieci anni di Spiagge Soul

Al via la rassegna che caratterizzerà i lidi ravennati dal 14 luglio al 1°agosto

   "Il mare, il soul e grandi artisti internazionali". È la combinazione, commentano gli organizzatori in una nota, che caratterizza la decima edizione di Spiagge Soul, il festival diffuso della Riviera organizzato dall’Associazione “Blues Eye” in compartecipazione col Comune di Ravenna e col sostegno della Regione Emilia-Romagna. Dal 14 luglio al 1° agosto (con alcuni appuntamenti in coda alla manifestazione) sulle spiagge, nelle piazze e nei locali dei lidi ravennati si esibiranno musicisti provenienti da ogni parte del mondo, tra cui Africa Unite System of a Sound, Orkesta Mendoza e Soul Brass Band, oltre al grande chitarrista blues Chris Cain o il trombettista Leon “Kid Chocolate” Brown, vincitore di un Grammy Award. Con un’attenzione particolare alle tradizioni musicali della città di New Orleans e alle radici afroamericane della black music. Si parte sabato con Jack e il coro dei rifugiati, con profughi ospitati dai centri del ravennate.
 

 Un’idea lunga dieci anni.

Un festival internazionale, totalmente gratuito, che per il decimo anno consecutivo celebra il binomio tra mare e musica tra Marina di Ravenna, Punta Marina, Lido Adriano, Porto Corsini e Casalborsetti, con l’atmosfera unica che solo i concerti sulla sabbia possono creare, punto di forza del festival grazie ai tanti palchi realizzati direttamente sull’arenile. Torna poi il ponte culturale con la città di New Orleans, con un excursus completo nelle tradizioni musicali del Mississippi. Spiagge Soul celebra così il suo decimo compleanno (la prima edizione risale al 2009) collegando idealmente la frizzante scena culturale della città della Louisiana e la tradizione afroamericana da cui è nata la musica Soul con l’accoglienza e la gioia di vivere tipiche della Riviera romagnola.

     “Spiagge Soul col trascorrere del tempo sta diventando sempre più un festival unico nel panorama italiano – spiega il direttore artistico, Francesco Plazzi – Grazie ai concerti sulla spiaggia, al sostegno delle istituzioni e degli operatori privati, alla rete avviata con altri eventi e al rapporto crescente con New Orleans, città regina della musica live, riusciamo ad avere una presenza quotidiana di artisti di rilievo internazionale, coinvolgendo sia gli appassionati di nicchie musicali raffinate che il grande pubblico di piazza, che partecipa ogni anno con entusiasmo ai concerti in programma. Non era affatto scontato che ci riuscissimo, quando siamo partiti dieci anni fa”.

     “Dieci anni di Spiagge Soul sono un traguardo davvero importante – afferma Giacomo Costantini, assessore al Turismo – la conferma che quell’idea nata sui nostri lidi funziona, probabilmente per la sintonia con le caratteristiche che hanno fatto nascere in America la musica soul: il coinvolgimento della gente, la disponibilità all’accoglienza, la fierezza delle proprie radici e la musica come elemento distintivo. E poi l’abbinamento con il cibo, la convivialità e la rete di collaborazioni con stabilimenti balneari, locali e attività ricettive ne hanno accresciuto l’interesse. Non è eccessivo parlare di successo vista la collaborazione col New Orleans Jazz Museum e l’arrivo di artisti di fama internazionale. Un grande traguardo, ma soprattutto una sfida per offrire sempre qualcosa di nuovo”.

     Il programma. Il festival apre il 14 luglio all’insegna della solidarietà col reggae di Jack e il Coro dei rifugiati, formato da ragazzi dei centri profughi della provincia di Ravenna, e poi con un omaggio ai grandi classici della musica dell’anima con la Soul & Blues Connection assieme alla voce possente di Deviana P. La domenica (15 luglio) è invece all’insegna del Soul più esplosivo con la South Carolina Soul Fire e il grande armonicista inglese Little George Sueref, che anticipano il concerto di un grande bluesman statunitense, Zac Harmon (16 luglio) e una due giorni che a Porto Corsini vede esibirsi gli italiani The Indians (17 luglio) e il grande Chris Cain, uno dei più acclamati chitarristi blues del mondo, che condivide il palco con la Luca Giordano Band (18 luglio). La Soul Brass Band guidata da Derrick Freeman fa invece il suo esordio ufficiale a Spiagge Soul il 19 luglio, prima di lasciare la scena il 20 luglio agli inossidabili Bunna e Madaski degli Africa Unite, che dal 1981 propongono il loro suono fatto di reggae, dub ed elettronica ma stavolta lo reinterpretano in una nuova veste in dj set ed esibizione live, col loro progetto Africa Unite System of a Sound. Lo stesso giorno al Bacino Pescherecci arriva una vera regina del soul, da Atlanta: Lola Gulley. Sabato 21 luglio è invece dedicato alle sonorità africane con i Café Touba e un omaggio alla tradizione musicale del continente nero, mentre da domenica 22 luglio partono cinque giorni di approfondimento delle sonorità di New Orleans, in tutte le sue sfaccettature. Apre l’inglese Dom Pipkin and the Iko’s (“piano from London, soul from New Orleans” il suo claim) e la New Orleans Street Parade con la Soul Brass Band per le strade di Marina di Ravenna. Atmosfere che ritroviamo anche nella mostra sviluppata assieme al New Orleans Jazz Museum, nei pranzi musicali dedicati alla città della Louisiana e nell’omaggio all’immenso Louis Armstrong del grande trombettista Leon “Kid Chocolate” Brown (23 luglio). Ma c’è anche l’esibizione di un protagonista assoluto della scena di New Orleans, il sassofonista Khris Royal (24 luglio), prima di chiudere col concerto scatenato della band franco-statunitense The Buttshaker (26 luglio). Ma il festival è ancora lungo. Il 27 luglio tocca a un inedito per Spiagge Soul, l’Orkesta Mendoza di Tucson, Arizona. Un progetto di Sergio Mendoza, musicista del gruppo americano Calexico, che mixa con facilità tradizioni mariachi, mambo, cumbia e rock’n’roll. Poi gli italiani Savana Funk con Kalifa Kone e alla sera l’inossidabile voce di Lisa Hunt (28 luglio). Ma c’è spazio anche per il funk “James Brown style” dei francesi Shaoline Temple Defenders (29 luglio), per la Sara Zaccarelli Nu Band (31 luglio) e per la musica giamaicana della Banana Boat Big Orchestra (1° agosto), prima di un altro tocco in salsa New Orleans con Andy J Forest e il chitarrista Roberto Luti, ospite fisso della formazione internazionale Playing for Change (13 agosto).

 

Spiagge Soul è il festival organizzato dall’Associazione culturale “Blues Eye” con la direzione artistica di Francesco Plazzi, la compartecipazione del Comune di Ravenna e il sostegno della Regione Emilia-Romagna.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.