23 agosto 2018 - Ravenna, Politica

Ancisi, “Quali cause e quali i rimedi delle inondazioni di Ferragosto?”

L’interrogazione al sindaco De Pascale

“Le piogge, forti ma non sensazionali, cadute nella notte del 14 agosto e nella mattinata di ferragosto, hanno prodotto danni e disagi rilevanti soprattutto sui lidi nord e a Marina di Ravenna, non esentandone neppure le Bassette”. A spiegarlo è Alvaro Ancisi (capogruppo di Lista per Ravenna, presidente della commissione Ambiente) in un’interrogazione al sindaco di Ravenna, nella quale si legge:

·         “A Porto Corsini, diverse sedi stradali sono state invase dalle acque. Si sono allagate anche le sedi della Guardia medica e della Pro Loco.

·         Peggio è andata a Marina Romea, dove l’inondazione di molte strade ne ha reso difficile o impraticabile la circolazione. Sono intervenuti i vigili del fuoco e la polizia municipale, ed è stato anche necessario imporre divieti e limitazioni di transito. Vari scantinati allagati hanno richiesto l’opera dei vigili del fuoco stessi. Una signora ha protestato per iscritto di avere avuto 50 centimetri di acqua in cantina già alle 7,30 del mattino.

·         A Marina di Ravenna gli allagamenti si sono prodotti non solo sulle strade, ma anche in alcuni alberghi e in diversi stabilimenti balneari, dove si è lavorato freneticamente per accogliere i clienti nella seconda metà della giornata. Secondo alcune testimonianze, Marina era ‘completamente sommersa dall’acqua dopo sole poche ore di pioggia seppur intensa’, coi ‘tombini che invece di assorbire l’acqua la rigettavano fuori’, e i giardini a fianco delle strade sono stati sommersi ‘come non succedeva dal 1989, trent’anni fa, quando abbiamo avuto eventi pluviali anche maggiori’. Ci è stato documentato il caso di un giardino allagato da cui non si entrava in casa, nel quale ‘l’intervento a ferragosto di un idrovora ‘privata’ è costato 390,40 euro”.

 

LE CAUSE CONTINGENTI

“I cittadini lamentano la mancata pulizia dei tombini – prosegue Ancisi - occlusi da foglie ed aghi di pino. Su questo fenomeno generalizzato, incontrollato pur trattandosi di un servizio comunale, vero e proprio malcostume, Lista per Ravenna ha rivolto, in data 24 luglio scorso, un’ interrogazione al sindaco (‘Sulle caditoie stradali tombate’, che attende risposta. (...)

Pare dunque necessario che il Comune di Ravenna accerti e chiarisca, sul piano tecnico, le cause dei disservizi che hanno reso rovinoso, in importanti zone abitate, non un ciclone, ma una tempesta estiva di poche ore, definendo anche i provvedimenti utili a rimuoverle. Chiedo al sindaco se intende riferirne l’esito eventuale in consiglio comunale rispondendo a questa interrogazione.”

 

L’ASSETTO IDRICO DEL TERRITORIO

“In un territorio comunale che soffre largamente di subsidenza - continua Ancisi -, solitamente all’asciutto grazie a qualche centinaio di idrovore pubbliche, è tuttavia doveroso affrontare il problema dei troppo facili allagamenti in modo organico, attraverso interventi sia strutturali che gestionali. Al riguardo, il ‘Piano di indirizzo per il contenimento del carico inquinante delle acque meteoriche’ (http://www.provincia.ra.it/Argomenti/Ambiente/Acque/Piano-di-indirizzo-per-il-contenimento-del-carico-inquinante-delle-acque-di-prima-pioggia), approvato dalla Provincia di Ravenna nel 2014 e redatto dai tecnici dell’ente stesso insieme a quelli di Hera (gestore del ciclo idrico) e di Atersir (agenzia regionale di governo dei servizi idrici), contiene un capitolo sulle ‘Misure per la mitigazione dell’impatto delle acque meteoriche’, che dovrebbero servire come linee guida. L’elenco degli interventi indicati comprende, ad esempio, modifiche (appunto) alle stazioni di sollevamento attraverso l’utilizzo di controllori logico programmabili (PLC) capaci di migliorare il flusso idrico convogliato, sfruttando la capacità di invaso propria della rete fognaria; ma, in primis, anche la realizzazione delle vasche di prima pioggia, nonché parcheggi drenanti, canali filtranti al margine delle strade, trincee di infiltrazione, bacini di ritenzione e infiltrazione, ecc. ecc. Il Piano stima anche i costi di realizzazione delle opere principali e statuisce il programma degli investimenti, le priorità di intervento e le disposizioni attuative finali.

Il metodo è quello giusto della programmazione, che non va però disgiunto dalla progressiva conoscenza e valutazione del grado di realizzazione, fondamentale per la tutela del delicato assetto idrico del territorio comunale.

Appare perciò necessario, a quattro anni di distanza dall’approvazione del Piano, che il sindaco, in veste anche di presidente della Provincia, ne riferisca gli sviluppi (o non?), sulla base di una relazione tecnica aggiornata, in consiglio comunale e/o nella commissione Ambiente. Gli chiedo dunque, anche in qualità di presidente di tale commissione, se e come intende corrispondere a tale esigenza”.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019