18 settembre 2018 - Ravenna, Cronaca

Non voleva pagare il bagno,donna denunciata

L’intervento è stato richiesto da un’addetta alle pulizie della stazione

Il comportamento sospetto

La Polizia di Stato ha denunciato una donna 53enne, cittadina della Nigeria, senza fissa dimora, per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità.

Sabato mattina, il personale della Polizia Ferroviaria è intervenuto presso i servizi igienici della stazione ferroviaria nei quali una dipendente, addetta alle pulizie di stazione, ha richiesto l’intervento dopo che una donna si era introdotta nei bagni senza pagare la tariffa dovuta, reagendo con violenza verbale alle rimostranze del personale addetto.

La reazione

La donna in questione, come riferisce il personale della Polizia, alla vista degli agenti ha rifiutato continuamente e in maniera verbalmente agitata, sia di declinare le proprie generalità che di seguire gli operatori presso l’ufficio Polfer, ragion per cui la stessa, dopo reiterati inviti a desistere dalla sua condotta, è stata accompagnata coattivamente presso gli uffici della Questura in quanto gli agenti ritenevano che la sua condotta avesse l’obiettivo di evitare il controllo di polizia.

La cittadina nigeriana, identificata attraverso il fotosegnalamento è stata denunciata, a piede libero, per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e per il rifiuto di declinare le proprie generalità.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.