11 ottobre 2018 - Ravenna, Cronaca

68° Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro

Domenica la cerimonia

La cerimonia

Domenica 14 ottobre ricorre la 68^ Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro che sarà celebrata all’insegna del tema “Sicurezza sul lavoro, priorità per il futuro” dall’Anmil (Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro) di Ravenna, con il patrocinio del Comune.

Il programma

Il programma prevede alle 9 il raduno dei partecipanti nella sede dell’Anmil in via Magazzini Anteriori 63.

Alle 9.15 il corteo, accompagnato dai gonfaloni delle pubbliche amministrazioni e dalle bandiere associative, si snoderà fino al monumento dedicato alle vittime del lavoro in piazza Caduti del Lavoro per la deposizione di una corona d’alloro.

Alle 10 è prevista la messa in suffragio dei caduti nella vicina chiesa di San Francesco.

Alle 11.30 avrà luogo la cerimonia civile nella sala Muratori della biblioteca Classense in via Baccarini 3.

Interventi

Sono previsti gli interventi di Massimo Cameliani, assessore alle Attività produttive, Maria Giangaspero e Rossella Baldassarri in rappresentanza dell’Inail, Carlo Sama, rappresentante del sindacato Uil di Ravenna.

Per l’Anmil terrà la relazione ufficiale il presidente territoriale Antonio Ricci.

I filmati degli studenti

Verranno quindi proiettati i filmati realizzati dagli studenti degli Istituti scolastici Morigia, Baldini e Ginanni che hanno partecipato al bando “La sicurezza nei luoghi di lavoro in memoria di Raffaele Rozzi”.

Per informazioni 0544/38164.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.